Clean City, Comune parte civile nel processo

Venerdì mattina in Tribunale a Monza si è tenuta una delle battute preliminari del processo sullo scandalo appalti che ha coinvolto la famiglia Sangalli in merito a un presunto giro di tangenti per l'affidamento di appalti pubblici

Il Comune di Monza così come l'Amsa, Metropolitane Milanesi e il Comune di Cologno Monzese si sono costituiti parte civile nel processo sull'inchiesta "Clean City" legata a un giro di presunte tangenti pagate dalla Sangalli a diversi esponenti politici e non solo per accaparrarsi appalti pubblici truccando così le gare.

Lo scandalo era venuto alla luce all'inizio di dicembre 2013 quando la magistratura aveva scatenato un bufera giudiziaria con perquisizioni, sequestri cautelari di beni e diversi arresti.

Ora il processo è arrivato alla sua fase preliminare e venerdì mattina presso il Tribunale di Monza gli enti coinvolti si sono costituiti parte civile.

La Sangalli secondo l'accusa avrebbe quindi ottenuto appalti dai comuni per il servizio di smaltimento rifiuti pagando tangenti. 

Il prossimo appuntamento in aula è il 22 settembre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Natale low cost: 11 idee regalo a meno di 20 euro per gli amici e la famiglia

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento