Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Causò la morte di due fidanzati alla guida: a processo l'automobilista

Il 41enne alla guida della Mercedes che piombò sull'auto della coppia lo scorso 21 agosto 2015 è stato rinviato a giudizio per omicidio colposo plurimo

Ha causato la morte di due giovanissimi fidanzati alla guida di un'auto e ora è stato rinviato a giudizio per omicidio colposo plurimo. Francesca Squeo, 23 anni, di Cassano d'Adda e Giuseppe Algeri, 27enne di Pessano con Bornago, sono morti dopo un tragico schianto lungo l'autostrada A4 tra Capriate e Dalmine nell'agosto 2015, scaraventati contro un furgone della società autostradale da una Mercedes sopraggiunta a tutta velocità.

Alla guida dell'auto che ha causato la morte della coppia c'era C.V., 41enne che ora è stato rinviato a giudizio per omicidio colposo plurimo. 

Il 41enne dovrà affrontare un processo e rispondere di quanto accaduto quel 21 agosto quando, alla guida della sua auto, poco dopo aver chiuso una telefonata, la sua Mercedes è finita a tutta velocità contro l'auto dei due fidanzati che stava procedendo a bassa velocità in quarta corsia per la presenza di un cantiere mobile segnalato. Il violento impatto ha scaraventato l'utilitaria dei due giovani contro il mezzo della società autostradale e per i due non c'è stato nulla da fare. 

Il processo nei confronti dell'automobilista inizierà a gennaio e agli atti del procedimento risulta anche esserci un filmato che mostra le fasi dello schianto, immortalando la Mercedes che piomba sull'auto dei giovani. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Causò la morte di due fidanzati alla guida: a processo l'automobilista

MonzaToday è in caricamento