Fondi Lega usati per la famiglia Bossi: Belsito assente al processo, l'appello di Milano slitta

Belsito è impegnato a Genova per un altro caso giudiziario: quello con al centro la presunta truffa del Carroccio ai danni dello Stato sui 49 milioni di rimborsi elettorali non dovuti

Belsito

E’ iniziato con un rinvio il processo d’appello che vede imputati il fondatore della Lega, Umberto Bossi, suo figlio Renzo, soprannominato “il trota”, e l’ex tesoriere Francesco Belsito per le presunte spese personali sostenute dal fondatore del Carroccio e dai suoi più stretti familiari con soldi sottratti dalle casse del partito.

I giudici della Quarta Corte d’Appello del capoluogo lombardo hanno accolto la richiesta di legittimo impedimento presentata nei giorni scorsi dai legali di Belsito che non si è presentato in aula a Milano perchè impegnato a Genova per un altro caso giudiziario: quello con al centro la presunta truffa del Carroccio ai danni dello Stato sui 49 milioni di rimborsi elettorali non dovuti dal 2008 al 2010.

Il processo milanese è stato così rinviato al 14 gennaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La dea bendata bacia la Brianza: con un Gratta e Vinci porta a casa 20 mila euro

  • Ospedale di Vimercate "al collasso", NurSind: "Di notte solo 2 infermieri per 53 malati"

  • Dramma ad Agrate Brianza, trovato senza vita in un campo un uomo di 34 anni

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Marito e moglie, sposati da oltre 60 anni, muoiono di covid lo stesso giorno a Monza

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

Torna su
MonzaToday è in caricamento