Cinque "olgettine" parte civile nel processo Ruby

Ambra e Chiara, Imane Fadil e in extremis la Guerra e la Berardi: ecco le ammesse. Ambra piange durante l'orazoine delle difese. La Fadil: "Contentissima, ora mi toglierò qualche sassolino dalle scarpe"

Dopo una breve camera di consiglio, sono state ammesse come parti civili nel "processo-Ruby" le cinque ragazze che ne avevano fatto richiesta: Chiara Danese, Ambra Battilana e Imane Fadil, a cui in extremis si sono aggiunte stamattina Barbara Guerra e Iris Berardi. In totale la procura aveva dato questa possibilità a più di trenta ragazze.

La Guerra e la Berardi si sono costituite parte civile contro la sola consigliera regionale Nicole Minetti, le altre tre anche contro i co-imputati: l'agente Lele Mora e il giornalista Emilio Fede. Stamattina le difese degli imputati s'erano opposte, motivando che il danno lamentato dalle ragazze è "un danno da processo mediatico" e non correlato ai reati d'imputazione. Ma i giudici di Milano non hanno ritenuto valide le opposizioni delle difese.

Stamattina, durante una fase dell'udienza, Ambra Battilana era scoppiata a piangere ed era momentaneamente uscita dall'aula. Le difese stavano ricostruendo la sera del 22 agosto 2010 per opporsi alla richiesta di costituzione in parte civile della stessa Ambra e dell'amica Chiara Danese: "Il fatto di non aver concesso nulla di sessualmente rilevante - argomentavano le difese - non rende perfezionato il reato di induzione della prostituzione".

LE MOTIVAZIONI

Il reato di induzione e favoreggiamento della prostituzione lede la "dignità della persona umana con riferimento alla libertà di autodeterminazione nella sfera sessuale". Questa, in sintesi, la motivazione con cui i giudici della quinta sezione penale di Milano hanno accettato la richiesta delle cinque ragazze, che adesso, durante il processo, potranno chiedere i danni agli imputati.

"MI TOGLIERO' QUALCHE SASSOLINO"

A parlare dopo la decisione è stata la modella marocchina Imane Fadil. "Sono contentissima - ha affermato ai cronisti - e tranquilla. Le lacrime di Ambra? Forse ha pianto perché lei e Chiara sono più piccole di me e reggono meno. Forse Ambra aveva paura di non essere ammessa come parte civile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ora - ha proseguito Imane - si farà luce su tante cose, voglio togliermi un po' di sassolini dalle scarpe".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento