Costretta a vendersi in strada a 16 anni e minacciata con il vodoo: arrestata sfruttatrice

In manette è finita una trentenne nigeriana. La lucciola minorenne era stata sorpresa a prostituirsi in strada in Brianza e salvata

Il viaggio dalla Nigeria su uno dei tanti barconi della speranza fino in Italia, l'illusione di una vita diversa, le minacce con riti voodo e la realtà della strada, dove su un marciapiede era stata costretta a vendersi. E' riuscita a risollevarsi dall'inferno in cui si era ritrovata costretta a vivere, tra prostituzione e sfruttamento, una giovane di sedici anni, sorpresa a Monza dalla polizia locale nel 2016 a vendere il suo corpo su un marciapiede. E proprio lei, per lungo tempo tenuta soggiogata dalla paura con riti voodo, ha permesso alla polizia di arrestare la sua sfruttatrice.

Il marciapiede e lo sfruttamento

Nel luglio 2016 la polizia locale di Monza dopo essere intervenuta in viale Lombardia per sedare una rissa si è ritrovata di fronte la giovane lucciola che, nonostante il viso sporco di trucco e i tacchi vertiginosi è apparsa fin da subito agli agenti molto più piccola dell'età che voleva dimostrare. Trasferita in una struttura protetta a Lodi, la sedicenne ha iniziato a parlare con i poliziotti e a collaborare alle indagini della Squadra Mobile di Lodi e Bergamo che hanno portato al fermo della presunta sfruttatrice della giovane, una connazionale di trent'anni attiva nel triangolo tra Lodi, Monza e Bergamo. Alle forze dell'ordine la giovane ha raccontato il suo viaggio per arrivare in Italia, le minacce con i riti voodo e le tante sere passate sulla strada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sfruttatrice "tradita" da un'operazione in ospedale e fermata 

Nonostante la donna - A.K. - usasse nomi inesistenti per muoversi liberamente tra le province di Monza, Milano, Lodi e Bergamo, alla fine ha fatto un passo falso. Il suo nome - quello vero - è comparso nella lista dei degenti dell'ospedale di Bergamo dove la donna si era sottoposta a un intervento chirurgico. Su richiesta della direzione distrettuale antimafia di Milano, sono scattate le manette con l'accusa di sfruttamento della prostituzione e si sono aperte le porte del carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nasce il Marketplace di Seregno, la risposta dei negozianti seregnesi alle vendite online

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Coronavirus, impennata di contagi in un giorno in Brianza: i numeri a Monza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento