Prostituta sequestrata e violentata per ore, in carcere anche gli altri due membri del branco

Dopo gli arresti dello scorso marzo 2016 i poliziotti ora hanno chiuso il cerchio e altri due giovani sono stati raggiunti da due ordinanze di custodia cautelare in carcere

E' stata picchiata, rapinata, umiliata e violentata ferocemente per ore a turno da quattro uomini che poi si sono sbarazzati di lei, abbandonandola a bordo strada ferita e in lacrime. Dopo i primi due arresti, datati marzo 2016, per il sequestro di persona e la violenza sessuale di gruppo ai danni di una giovane prostituta romena, avvenuta nel novembre 2015 alle porte di Monza, tra Agrate Brianza e Concorezzo, ora gli investigatori hanno chiuso il cerchio e individuato e condotto in carcere anche gli altri due responsabili.

Identificati i componenti del "branco"

Insieme a N.A.K., 26 anni, senegalese, e S.O.B.E., 25enne originario dell'Ecuador, la notte del 10 novembre 2015 a bordo della Ford Fiesta rossa che ha avvicinato la lucciola all'altezza del Malcantone c'era anche un terzo uomo e un quarto soggetto, un 28enne italiano, si trovava già nell'appartamento di Concorezzo dove si sono consumate le feroci violenze sessuali e dove la prostituta, con il volto coperto da uno scaldacollo, è stata condotta.

Ai due ragazzi, un cittadino marocchino incensurato, regolare in Italia, e al 28enne italiano residente in una casa popolare a Concorezzo, i poliziotti del pool del commissariato di Monza che si occupa di reati contro le fasce deboli sono arrivati grazie a una serie di riscontri legati a intercettazioni telefoniche, appostamenti, accertamenti sul DNA e individuazioni fotografiche.

Uno dopo l'altro i protagonisti di questa brutta vicenda, come tessere del domino, hanno cominciato a cedere. Da qui il nome dell'indagine condotta dalla Polizia di Stato e coordinata dalla Procura di Monza, denominata "Domino" appunto, che allude contemporaneamente anche alla violenza brutale con cui i quattro soggetti cercavano di esercitare il proprio dominio sulla vittima. 

Le violenze e le botte

Quella notte la ragazza era stata avvicinata da una Ford con a bordo tre persone che le hanno proposto una prestazione di gruppo all'altezza del Malcantone, al confine tra Agrate Brianza e Monza. La prostituta però si è rifiutata e non ha voluto seguire i tre così dall'auto sono scesi due uomini che l'hanno incappucciata, mettendole in testa uno scaldacollo per evitare che potesse vedere e l'hanno picchiata, aggredita e repinata dei soldi che aveva con sè e del telefono cellulare. La vittima è stata caricata in auto e minacciata con un coltello fino a che, dopo un tragitto di circa venti minuti durante il quale la giovane non ha visto quali strade imboccava la vettura, sono arrivati a destinazione, in un'appartamento situato in uno stabile popolare di Concorezzo. Qui, a turno, la ragazza è stata violentata da quattro uomini diversi, i tre dell'auto e un quarto soggetto, il 28enne italiano proprietario dell'appartamento. E' stato lui l'ultimo a intrattenersi in camera da letto con la ragazza alla quale avrebbe detto, per tranquillizzarla, "Vogliono soltanto divertirsi". E in quel frangente avrebbe tolto alla giovane il cappuccio che aveva in testa, permettendole di scorgere il suo volto che la vittima poi è stata in grado di identificare.

La ricostruzione e le indagini

Di quei momenti la ragazza ha sempre avuto immagini confuse dalla paura e dal dolore ma fin da subito ha cercato di dire ai poliziotti tutto quello che riusciva a ricordare, fornendo informazioni preziosissime per le indagini. La vittima si è presentata in commissariato a denunciare l'accaduto, accompagnata da un automobilista di passaggio a cui aveva chiesto aiuto. Nonostante avesse il volto coperto, la ragazza per alcuni istanti è riuscita a intravedere il volto dei suoi aguzzi così come la prima lettera della targa dell'auto e un dettaglio fondamentale per gli inquirenti che ha consentito di restingere il campo e individuare la vettura tra 30mila modelli affini: la Ford Fiesta rossa usata per il sequestro aveva uno dei fari anteriori non funzionanti ed è risultata intestata alla madre del giovane ecuadoregno già arrestato. La vittima è riuscita a fornire elementi ultili all'identificazione dell'abitazione teatro delle violenze, descrivendo parte del mobilio, alcuni dettagli e la presenza di un cane di piccola taglia. 

A incastrare il terzo componente del branco, un 25enne marocchino, è stata la tenacia degli investigatori che hanno proseguito le indagini anche dopo l'arresto dei primi due membri che sono già stati condannati a nove anni di reclusione con rito abbreviato e ora sono in attesa dell'appello. Grazie agli appostamenti e ad alcuni mozziconi di sigaretta i poliziotti sono riusciti a collegare il DNA del 25enne A.A.D. alle violenze, contestandogli i reati di sequestro di persona e violenza sessuale di gruppo. 

L'ultima ordinanza di custodia cautelare in carcere invece è stata eseguita lo scorso 22 giugno nei confronti di B.C., 28enne italiano, proprietario dell'abitazione dove sono avvenute le violenze. Con l'arresto dell'ultimo componente della banda è caduta anche l'ultima tessera del domino. 

Nei confronti dei primi due soggetti arrestati e già in carcere però pende un'altra accusa di violenza sessuale in quanto i due sono indagati per un altro differente episodio che li vedrebbe coinvolti con la stessa accusa ai danni di un'altra ragazza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

r-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento