Prostituzione, scoperto un maxi giro di sfruttamento

20 ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal gip del Tribunale di Bergamo

Un centinaio le ragazze sfruttate

I carabinieri di Bergamo hanno portato alla luce un giro formato da 20 persone dedite al favoreggiamento e allo sfruttamento della prostituzione.

20 ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal gip del tribunale del capoluogo bergamasco. Nel mirino sono finiti italiani, romeni e albanesi.

Il gruppo controllava un centinaio di prostitute costrette a pagare elevate somme agli aguzzini per poter occupare la zona e le piazzole di sosta lungo la statale 525 che attraversa i comuni di Bergamo, Lallio, Dalmine e Osio Sotto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’indagine era partita nel 2012 in seguito all’esposto di una ragazza romena che aveva denunciato i fatti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento