rotate-mobile
Cronaca

Prostituzione, operazione della Guardia di Finanza a Prato: denunce anche in Brianza

L'operazione "Piazza Pulita" ha portato alla denuncia di trentotto persone, al sequestro di otto immobili e al coinvolgimento di 300 militari. Alcune denunce per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione hanno raggiunto anche cittadini in Brianza

Una maxi operazione contro la prostituzione condotta dalla Guardia di Finanza di Prato ha portato alla denuncia di trentotto persone, alcune delle quali residenti anche in Brianza, e al sequestro di otto immobili.

"Piazza Pulita", questo il nome dato all'attività di indagine, ha coinvolto 300 militari delle Fiamme Gialle ed è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Prato. Gli accertamenti sul fenomeno erano iniziati nel maggio scorso quando i finanzieri avevano eseguito alcuni controlli, con osservazioni e testimonianze di clienti, insieme a intercettazioni telefoniche, per ricostruire il complesso quadro dello sfruttamento della prostituzione sul territorio.

GUARDA IL VIDEO

L'individuazione di otto abitazioni nel centro cittadino, dove avvenivano con la consapevolezza dei proprietari incontri tra clienti e prostitute, ha permesso agli inquirenti poi di allargare il quadro e denunciare 38 persone per i reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Le persone coinvolte nell'indagine sono cittadini pratesi ed extracomunitari ma anche soggetti residenti nelle provincie di Monza e Brianza, Firenze, Pistoia, Lucca, Arezzo, Livorno, Pisa, Milano, Bergamo, Rovigo, La Spezia, Roma e Palermo.

Tra questi c'è anche il titolare di un money transfer "segnalato anche per il reato di riciclaggio, dopo aver consentito ad alcune prostitute di trasferire somme di denaro all’estero oltre i limiti previsti tramite documenti di identità fasulle" spiegano gli inquirenti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituzione, operazione della Guardia di Finanza a Prato: denunce anche in Brianza

MonzaToday è in caricamento