menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Migranti in protesta davanti alla Prefettura di Monza per il diritto d'asilo

Il corteo lunedì in via Prina. I cittadini stranieri in attesa di espletare l'iter per la richiesta di protezione internazionale hanno protestato contro i lunghi tempi di attesa

"Aspettiamo due anni per un no. Ma quale diritto d'asilo?". Questo il messaggio che un gruppo di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale lunedì ha esposto davanti alla Prefettura di Monza e Brianza durante una protesta.

Il corteo, composto da alcune decine di stranieri, ha manifestato in via Prina, lamentando i lunghi tempi di attesa per l'espletamento dell'iter burocratico per il riconoscimento del diritto d'asilo politico e ha sottolineato le numerose difficoltà a cui gli stranieri che arivano in Italia affrontano per scappare da guerre e terrorismo. La manifestazione si è svolta senza disordini alla presenza della Polizia di Stato che ha presidiato l'area. Momentanei disagi alla viabilità si sono registrati lungo il tratto di via Prina per la presenza del corteo.

Fortemente polemica nei confronti della presa di posizione dei cittadini stranieri è stata la Lega Nord di Monza che, attraverso il segretario cittadino Federico Arena ha fatto sapere:  "La cosa grave è che se questi rimangono 2 anni sul nostro territorio dopo aver fatto richiesta d'asilo e poi ricevono un no significa che lo stato non solo ha permesso sul suo territorio la presenza di degli irregolari ma ha pure speso più di 26mila euro per ognuno di loro... Alla faccia della crisi e dei nostri pensionati con la minima". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento