Sindaci della Brianza in protesta contro l'aumento del casello della tangenziale Est

Trentacinque primi cittadini brianzoli hanno preso parte alla manifestazione annunciata nei giorni scorsi

Una parte dei sindaci presenti al presidio (Foto postata da Luca Ornago sindaco di Villasanta/Facebook)

Una protesta in massa e con tanto di fascia tricolore. Lo avevano annunciato e hanno mantenuto la promessa. Giovedì mattina i sindaci della Brianza, uniti e compatti, si sono presentati alla barriera del casello della tangenziale Est e alle 13.30 hanno dato vita alla protesta contro l'aumento del pedaggio.

Dal primo gennaio 2018 infatti il costo del pedaggio alla barriera di Agrate Brianza è passato da 1,70 centesimi a 2 euro. Un aumento che per gli automobilisti brianzoli che ogni giorno percorrono il tratto per spostarsi e raggiungere il luogo di lavoro costerà sessanta centesimi in più al giorno. Trentacinque i primi cittadini presenti ad Agrate Brianza: insieme al sindaco del comune brianzolo Ezio Colombo, si sono fatti avanti anche Fracesco Sartini da Vimercate, Marco Troiano da Brugherio, il presidente della provincia di Monza e Brianza e sindaco di Bellusco Roberto Invernizzi e tanti altri colleghi. I borgomastri hanno protestato contro il costo innalzato della tratta che ora rischia di congestionare anche la viabilità locale con ripercussioni sul traffico dovute a quanti cercheranno di aggirare la barriera lungo la viabilità ordinaria e hanno chiesto investimenti per il trasporto pubblico locale. 

"Oggi, alla barriera di Agrate-Carugate della Tangenziale Est Milano, in 35 sindaci abbiamo protestato contro l'aumento del pedaggio da 1,70 a 2 euro . Ma non solo. Abbiamo anche condiviso un elenco di richieste destinate ai futuri governi nazionale e regionale per potenziare il trasporto pubblico in Brianza. Questa è una delle aree più produttive d'Italia: le imprese, il lavoro, le famiglie hanno bisogno di interventi" ha detto Luca Ornago, sindaco di Villasanta.

"L’aumento del pedaggio al casello di Agrate Brianza da parte di Serravalle è un aumento inaccettabile sia per l’importo che arriva al 18% con un impegno economico notevole per i pendolari che obbliga, per poter risparmiare, l’uso delle strade secondarie con riflessi negativi sul traffico, sull’ambiente e la qualità di vita" - ha detto Monica Buzzini, sindaco di Caponago, presente al presidio - "Ci aspettiamo un ascolto da parte degli attori che intervengono in questa situazione e che si mantengano gli impegni presi nell’ambito degli accordi di programma che contemplavano spostamenti del casello della A4, interconnessione fra A47/A51 e il prolungamento della MM2. Non si può continuare a chiedere ai cittadini sacrifici economici o cambi di uso di mobilità senza dare risposte concrete e non onerose".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Schiaffo ai cittadini brianzoli"

“L’ennesimo aumento del pedaggio alla barriera di Agrate è uno schiaffo ai tanti cittadini brianzoli e lombardi che ogni giorno si recano a Milano per lavoro” hanno detto il segretario provinciale della Lega Nord Emanuele Pellegrini e il vicesegretario provinciale Alessandro Corbetta in seguito all'iniziativa che ha visto protagonisti i sindaci contro il rincaro del pedaggio della tangenziale Est. "In sostanza nel 2018 un lavoratore che transiterà due volte al giorno dalla Tangenziale Est pagherà circa 150 euro in più. Una cifra importante, che fa rabbia visto che in altre zone del Paese le tangenziali sono totalmente gratuite. Per questo motivo – continuano Pellegrini e Corbetta - siamo pronti ad avviare una raccolta firme in tutti i comuni del Vimercatese contro questo aumento ingiustificato. Abbiamo inoltre chiesto a Matteo Salvini e ad Attilio Fontana di inserire nel programma del centrodestra per le elezioni politiche e regionali del prossimo 4 marzo un impegno a trovare soluzioni concrete per la barriera di Agrate che possano portare all’abbattimento del casello o quantomeno a una diminuzione del pedaggio per gli automobilisti lombardi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento