Cento ore in catene per salvare la Provincia di Monza e Brianza

La clamorosa protesta è stata inscenata dal consigliere provinciale Fabio Meroni della Lega Nord, davanti alla sede di via Tommaso Grossi a Monza

Fabio Meroni si incatena alla Provincia (©Mologni/MonzaToday)

MONZA – Cinque giorni di dieta, undici chili polverizzati. E ora 100 ore in catene ai cancelli di via Tommaso Grossi, a Monza. E’ la dura vita del consigliere provinciale Fabio Meroni. L’ex sindaco, parlamentare e consigliere provinciale della Lega Nord ha deciso di dare vita a una protesta clamorosa. Obiettivo: convincere il premier Mario Monti a non abolire la Provincia di Monza e Brianza.

Cappello in testa, cinque strati di maglioni addosso e giacca a vento verde di ordinanza, stamattina Meroni si è piazzato davanti alla sede di rappresentanza di via Tommaso Grossi. Deciso a restare lì – giorno e notte, pioggia e vento – fino a sabato, quando avrà trascorso 100 ore incatenato. Unica concessione al lusso: un gazebo (verde, naturalmente) che si è posato sul tetto per evitare di finire la sua protesta inzuppato dalla testa ai piedi di acqua piovana.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la risposta di Patroni Griffi: il ministro per la Funzione Pubblica ha liquidato con una mail l’invito a partecipare al consiglio provinciale aperto in programma il 1 dicembre tra i cantieri aperti della sede istituzionale sull’area ex IV novembre. Un no che ha lasciato spiazzati gli organizzatori.

«Compio questo gesto non per me stesso – ha affermato Meroni prima di incatenarsi il primo polpaccio – ma per tutti i cittadini di Monza. La Brianza unita a Milano conterà come il due di picche. Perderà occasioni di crescita e di sviluppo e anche la sua identità».

E ancora: «Mi rammarico che pochi parlamentari, anche nella Lega Nord, abbiano lesinato sulle manifestazioni di solidarietà a questo mio gesto, che compio nel solo interesse del mio territorio». Una dichiarazione che però sembra smentita dai fatti: accanto a lui, al momento della chiusura dei lucchetti (affidati alle mani del presidente del consiglio provinciale, Angelo De Biasio c’erano numerosi simpatizzanti del Carroccio, tra i quali c’era l’ex sindaco di Lissone, Fabio Meroni. Inoltre, una staffetta di militanti del Carroccio conforterà e resterà a fianco di Meroni per tutte le cento ore della protesta: giorno e notte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento