Foto di bimbi che fanno sesso nel pc del pusher: condannato dal tribunale

L'uomo è stato condannato dal tribunale di Milano

Immagine repertorio

Un uomo di 60 anni, di Paderno Dugnano, già noto alle forze dell’ordine, nei giorni scorsi è stato arrestato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e per possesso di materiale pedopornografico. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini sono iniziate nel 2009, quando i carabinieri di Milano avevano indagato l’uomo per spaccio. Nel corso di una perquisizione, i militari avevano scoperto nel computer dello spacciatore la presenza di grandi quantità di immagini pedopornografiche. Ora il processo di è concluso con una condanna per droga e pornografia e l’uomo dovrà scontare due anni di carcere a San Vittore a Milano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento