Monza a 4 zampe: raccolta firme contro i “divieto d’accesso ai cani”

Alcuni cittadini, tra cui i responsabili della pagina Fb “Monza a 4 zampe”, hanno lanciato una petizione per chiedere che vengano rimossi i cartelli che vietano l’accesso ai cani nelle aree verdi. Al loro fianco Paolo Piffer

La raccolta firme - Foto @Mt

Chiedono che quei cartelli, “spesso fini a se stessi”, vengano eliminati. E auspicano di poter avere, magari in tempi brevi, degli spazi esclusivamente dedicati ai loro amici a quattro zampe. 

Continua la battaglia di alcuni cittadini monzesi contro il provvedimento dell’amministrazione che, con l’installazione di alcuni “divieti d’accesso”, ha escluso i cani da cinquanta aree verdi della città

I proprietari degli animali, tra cui i gestori della pagina Facebook “Monza a 4 zampe”, hanno lanciato una raccolta firme per chiedere “la sostituzione dei cartelli di divieto, dove non siano strettamente necessari, con cartelli di effettiva sensibilizzazione”. 

Al fianco dei padroni dei cani, è sceso in campo anche Paolo Piffer, consigliere di Primavera Monza, che già in passato aveva evidenziato come i divieti fossero al limite tra il legale e l’illegale. “Il provvedimento è inutile ed inopportuno - ha spiegato a MonzaToday -. Inutile perché gli incivili che non raccolgono le deiezioni del proprio cane continueranno a non farlo naturalmente, inopportuno perché  prima di imporre questo divieto, sarebbe auspicabile un’opera di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini, un maggior numero di aree sguinzagliamento e maggior manutenzione, un numero superiore di cestini raccolta e magari anche la collocazione di dispenser come avviene in tutte le grandi città.” 

“Chi condivide questa nostra piccola ma importante battaglia - ha segnalato il consigliere - può firmare la nostra petizione negli esercizi segnalati sulla cartina, oppure firmare la petizione online”.

“Sarebbe bello - ha concluso Piffer - che la politica si iniziasse ad occupare del benessere degli animali anche quando non è in campagna elettorale”.

Semplici e chiare le richieste della petizione, che i cittadini hanno annunciato con una lettera indirizzata al sindaco, Roberto Scanagatti, e agli assessori. “Non siamo concordi sull’efficacia dei cartelli come deterrente alla maleducazione e all’inciviltà di alcuni proprietari - si legge - penalizzando non solo chi si è sempre comportato nel rispetto delle leggi ma tutti i cani, arrivando alla soglia del maltrattamento e togliendo agli stessi la possibilità di camminare, correre e giocare tra il verde cittadino”. 

Anche perché le aree attrezzate in città sono spesso inutilizzabili. “Portiamo alla Vostra attenzione - scrivono i promotori della petizione - anche la scarsa presenza di aree apposite, solo sedici per gli oltre 15mila cani censiti sul territorio di Monza, e le pessime condizioni di alcune aree esistenti, poco praticabili per la mancanza di manutenzione e trascuratezza nel corso degli anni. Il cane non è autonomo - fanno notare i padroni -, ma ha un proprietario che ne risponde, in tutti i sensi, dei comportamenti”. 

“Come amministratori della pagina ‘Monza a 4 zampe - La voce dei nostri amici” ci facciamo portavoce per la richiesta della creazione quanto prima di spazi verdi dedicati ai cani specialmente in quei quartieri che ancora ne sono privi e la riqualifica delle aree esistenti ma in condizioni tali da non essere agibili. E chiediamo - conclude la petizione - la sostituzione dei cartelli di divieto dove non siano strettamente necessari con cartelli di effettiva sensibilizzazione”. 

CLICCA QUI PER FIRMARE LA PETIZIONE ON LINE

Ph: i punti dove è possibile firmare la petizione

cartina-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento