menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La "sfida" di mamma Viviana: ogni bimbo doni un gioco a un coetaneo più sfortunato

Viviana Cereda ha raccolto centinaia di giochi nelle scuole di San Rocco e li ha consegnati al Comitato Verga. Il suo appello: "Mamme fatevi contagiare dal virus della generosità"

Ha riempito la sua automobile di giocattoli che amiche, conoscenti e perfette sconosciute hanno raccolto non appena hanno ricevuto il suo appello. Un carico di balocchi (tutti nuovi) che nei giorni scorsi ha consegnato al Comitato Maria Letizia Verga, che da oltre quarant’anni segue a Monza i bambini malati di tumore.

Adesso questa straordinaria mamma lancia la "sfida" anche alle altre mamme di Monza nella speranza che si crei una vera e propria catena di solidarietà, che partendo dalla periferia si allarghi a tutta la città, a sostegno dei bambini più sfortunati. Tutto l’anno, non solo in occasione delle feste.

Una mamma dal cuore immenso: questo il ritratto di Viviana Cereda, 41 anni, mamma di Federico e Filippo, due bambini che frequentano le elementari e l’asilo nel quartiere di San Rocco. “Questo gesto nasce dalla volontà di insegnare ai miei bambini l’importanza della condivisione – spiega Viviana, mamma in cassa integrazione -. Ho voluto coinvolgere anche i genitori e gli insegnanti della scuola Zara, frequentata dal mio bambino più grande”. Ma alla fine tutto il comprensivo scolastico Koinè – di cui fa parte anche la scuola di Federico – ha raccolto l’appello.

Nei giorni scorsi Viviana è rimasta in attesa dei doni davanti alla sua auto lasciata vicino al piazzale della scuola: una vettura facilmente riconoscibile, con i palloncini e le portiere aperte.

“Sono felice della risposta delle insegnanti, delle mamme e dei bambini. Sapere che quei giochi andranno a bimbi che stanno affrontando il dramma della malattia mi riempie di tristezza ma anche di gioia: i volontari mi hanno raccontato che al termine delle terapie più invasive i piccoli sceglieranno un dono. Una piccola ricompensa che porterà un po’ di gioia nella loro sofferenza”.

Ma Viviana si augura che il virus della generosità contagi anche gli altri quartieri e le altre scuole di Monza. “Mi piacerebbe tanto che quanto accaduto a San Rocco venga ripetuto anche nelle altre scuole di Monza. Perché la generosità e l’attenzione ai più piccoli non si esaurisca solo a Natale. Un grazie particolare a Claudia Bocchetti, una mamma che mi ha sostenuto in quella bellissima iniziativa”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento