Ragazza violentata a casa sua dopo la notte in discoteca: arrestati l’ex e un suo amico

L’orrore è avvenuto in una casa di Milano dopo una notte che i tre avevano trascorso insieme in discoteca. I due aggressori sono stati arrestati nelle loro case di Bresso e Seveso

I due sono in carcere - Foto repertorio

L'hanno violentata a turno. Uno dopo l'altro, senza lasciarle scampo, nonostante le sue urla, i suoi calci e l'estremo tentativo di sottrarsi a quella sorte così atroce.

Lei ha ventisette anni. E' nata in Ecuador ma vive in Italia già da diversi anni. Una storia identica a quella di tanti giovani latinomericani, simile anche ai trascorsi dei suoi aguzzini, due peruviani fermati poche ore dopo i fatti dalla polizia. Un arresto lampo arrivato grazie alla denuncia immediata della vittima, che non si è fatta intimorire.

Teatro di questa storia di violenza è il quartiere Corvetto di Milano. Sabato sera il trio di 'amici' va in discoteca. La giovane si fida dei suoi due accompagnatori tra i quali c'è anche il suo ex fidanzato. I tre, tutti incensurati e regolari, passano una serata normale tra musica, balli e alcol.

Al termine della serata - secondo il racconto che la vittima fa alla polizia - i due uomini insistono per 'scortarla' fino a casa. Arrivati nell'appartamento della donna, però, l'atteggiamento cambia repentinamente. L'ex fidanzato prova a baciarla. Il suo rifiuto fa scattare in lui una molla violenta. A cominciare la catena di stupri è proprio l'ex, un giovane di ventisei anni. Le lacrime della donna e i tentativi di scappare non bastano a fermarlo. Anzi, appena finisce la sua 'parte', passa il testimone dell'orrore all'amico di trenta anni. Altri istanti di crudeltà, prima di fuggire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ragazza chiama la polizia e chiede aiuto: "Mi hanno violentato". La conferma alle parole della ventottenne arrivano anche dai medici dell'autorevole clinica Mangiagalli, dove viene medicata. Ormai è domenica mattina. Gli agenti iniziano una veloce ricerca dei peruviani, accusati di violenza sessuale. Li rintracciano nel primo pomeriggio: ognuno nel proprio appartamento, uno a Seveso, l’altro a Bresso. Erano nelle proprie abitazioni a smaltire la notte di bagordi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento