Sequestrata e violentata per ore da due romeni

E' la brutta storia di violenza capitata a una giovane adescata in stazione centrale dai due connazionali e portata in un casolare a Monza dove si è consumata la violenza

Il casolare a Monza

L’hanno vista spaesata, sola tra tante facce sconosciute e, da connazionali, si sono offerti di darle un aiuto.

E’ così che è iniziata la drammatica storia di violenza capitata a una giovane romena adescata in stazione centrale a Milano da due uomini e poi sequestrata e violentata per ore in un casolare in provincia di Monza.

La ragazza era appena scesa dal treno quando i due le si sono avvicinati e le hanno offerto un passaggio poiché il suo fidanzato tardava a raggiungerla.

Il suo errore è stato fidarsi.

L’hanno portata prima in un casolare e poi in un appartamento in provincia di Monza e l’hanno più volte violentata.

Il fatto è avvenuto il 15 febbraio scorso ma solo ora la Polizia, grazie ai tatuaggi visibili che i due hanno sul corpo, è riuscita a risalire a loro.

Si tratta di un 32enne e un uomo di 34 anni con precedenti penali per reati contro il patrimonio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento