Brutale rapina in centro, preso a cinghiate per pochi euro: nei guai minorenne

La polizia di Stato ha individuato il secondo responsabile della violenta aggressione: si tratta di un minorenne brianzolo

La rapina

Hanno adocchiato la vittima, l'hanno seguita per un po' tra i vicoli del centro di Monza, a due passi dal Duomo e, in via Lambro, hanno deciso di passare all'azione.

Pochi minuti dopo la una e trenta della notte del 10 gennaio scorso una telecamera di sorveglianza presente proprio a ridosso del luogo dell'aggressione ha ripreso tutto: tre sagome camminano nel tratto, attraversano la strettoia e poi tornano indietro. Un giovane con il volto coperto dal cappuccio di una felpa grigia scaraventa a terra la vittima e dietro di lui un complice, più basso e più insicuro, gli fa da spalla. Nell'agguato dei due piccoli malviventi è finito un 38enne originario dello Sri Lanka che quella sera stava rincasando dopo aver appena terminato il suo turno come cameriere in un ristorante del centro. A suon di calci, pugni, minacce e cinghiate i rapinatori si sono impossessati del suo portafogli con dentro pochi euro e sono fuggiti via, lasciandolo a terra dopo averlo riempito di lividi e avergli fratturato un braccio. 

rapina video-4

E' stato lo stesso 38enne che subito dopo la brutale aggressione ha chiesto aiuto e ha dato l'allarme: grazie alla descrizione degli agressori che la vittima ha saputo fornire al telefono i poliziotti del commissariato di Polizia di Stato di Monza si sono messi subito alla caccia dei responsabili e hanno trovato uno dei due malviventi poco distante, a ridosso del Tribunale dove aveva raggiunto alcuni coetanei in un vicolo.

Le manette per L.M., 20 anni, erano scattate in flagranza di reato ma sull'identità del suo complice ai poliziotti il ragazzo non aveva voluto dire nulla. E' stato proprio lui che il 10 gennaio, fermato mentre era ancora sotto l'effetto di droga e visibilmente alterato, aveva confessato il suo coinvolgimento e aveva accompagnato gli agenti in un vicolo poco distante dove, sul davanzale di una finestra, aveva abbandomato il portafogli dell'uomo svuotato dei trenta euro che conteneva che al 38enne sono costati una frattura e quaranta giorni di prognosi in seguito alle botte ricevute. 

GUARDA IL VIDEO

Per rintracciare il complice invece i poliziotti del commissariato di viale Romagna sono partiti dalle immagini riprese dalla telecamera di videosorveglianza e hanno incrociato i dati utili all'identificazione con le caratteristiche fisiche di alcuni ragazzi fermati nel corso di diversi controlli in centro nel periodo successivo ai fatti. Dopo aver concentrato i sospetti su un 17enne residente alle porte di Monza, i poliziotti si sono presentati nella sua abitazione e nel suo armadio hanno trovato gli abiti indossati quel 10 gennaio, compresa la cintura con cui aveva aggredito e colpito la vittima.

Il ragazzo, italiano, studente irrequieto figlio di genitori separati, inizialmente ha negato tutto dicendo di non essere stato a Monza la sera dell'aggressione ma alla fine, tra le lacrime, ha ammesso di essere proprio lui il giovane che impugna la cintura e colpisce il cameriere con una violenza bruta e che, spaventato, tra un colpo e l'altro, accenna la fuga. Forse spaventato più dall'aggressività dei suoi gesti che da una possibile reazione della vittima.

Adesso il ragazzo, minorenne all'epoca dei fatti, ha da poco compiuto 18 anni e dovrà affrontare un processo. Dopo un periodo di arresti domiciliari invece è ancora in attesa di giudizio il complice. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

con logo-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nasce il Marketplace di Seregno, la risposta dei negozianti seregnesi alle vendite online

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Coronavirus, impennata di contagi in un giorno in Brianza: i numeri a Monza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento