Punta cavatappi al collo di una donna al Pronto Soccorso poi torna a "chiedere scusa"

Al San Gerardo è intervenuta una volante della polizia di Stato. Denunciato un giovane cittadino italiano di origine russa

Polizia al Pronto Soccorso - Immagine di repertorio

Ha puntato un cavatappi al collo di una donna al Pronto Soccorso dell'ospedale San Gerardo e l'ha minacciata, ordinandole di consegnargli il cellulare che aveva appena messo in tasca. Bloccandola da dietro la schiena le ha ordinato di fare silenzio e di obbedire. Pochi istanti che alla signora sono sembrati un'infinità in cui però ha trovato il coraggio di reagire e divincolarsi, mettendo in fuga il giovane rapinatore che qualche ora dopo è tornato.

E al San Gerardo ha trovato la polizia. E' accaduto nella serata di sabato, intorno alle 22.30. Il giovane rapinatore, un ragazzo di origine russa di 18 anni adottato da famiglia italiana, dopo aver tentato di derubare la donna è scappato via. Qualche ora più tardi però ha varcato di nuovo la soglia dell'ospedale e il personale ha allertato la Questura che ha inviato sul posto una volante. 

Ai poliziotti ha detto di essere tornato lì per farsi venire a prendere dalla madre e per chiedere scusa per il suo comportamente. Il giovane risulta avere dei problemi psichiatrici. Per lui è scattata una denuncia a piede libero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento