Banditi taciturni rapinano gelateria senza dire una parola

I malviventi hanno sollevato di peso il registratore di cassa e lo hanno portato via

Sono riusciti a fare una rapina senza «spiccicare» una parola. Davvero taciturni i rapinatori che mercoledì sera hanno rapinato la gelateria «l’albero dei gelati» di via Volta a Cogliate. I banditi – due giovani italiani – non hanno detto nulla: nemmeno il fatidico «questa è una rapina». Niente di niente.

Nel silenzio più assoluto, si sono avvicinati al negozio, a volto scoperto. Hanno fatto una lunga fila, attendendo con pazienza e mescolandosi tra i normali clienti: famiglie, ragazzi, bambini che ogni sera d’estate affollano le gelaterie.

Quando è stato il loro turno, al posto di chiedere un cono alla panna, hanno sfoderato un coltello. E’ bastata la vista dell’arma, per far perdere il loro sorriso pacioso ai due negozianti. Impietriti dalla paura e dalla rabbia, i commercianti non sono riusciti più a reagire. E così i malviventi, indisturbati, hanno sollevato di peso il registratore di cassa, e se lo sono portato via, così come era. Zeppo di monete e di banconote di piccolo taglio. Alla fine, il bottino è stato di cinquecento euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento