Botte e minacce per rapinare una prostituta, 34enne finisce in carcere

Per l'uomo era stato disposto l'affidamento terapeutico ma in seguito alle ripetute violazioni è stato accompagnato in carcere. Nel 2011 era già stato condannato per un analogo episodio

Un uomo di 34 anni, italiano, residente a Trezzano Rosa, è stato accompagnato in carcere a San Vittore dai carabinieri della compagnia di Vimercate in seguito a un'ordinanza di aggravamento della misura dell'affidamento terapeutico a causa di ripetute violazioni.

L'uomo nel marzo 2016 si era reso responsabile di una rapina ai danni di una prostituta ad Azzano San Paolo, nella Bergamasca. Il 34enne, dopo aver consumato un rapporto con la donna, l'ha minacciata, percossa e derubata della borsetta. Dopo l'episodio era stato individuato e arrestato. Per l'uomo era stato disposto l'affidamento terapeutico ma tra marzo e aprile più volte aveva violato le disposizioni della misura facendo così scattare l'aggravamento. 

Il 34enne, che nel 2011 era già stato condannato per lo stesso reato, è stato accompagnato in carcere a San Vittore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento