Minacciata con un coltello e rapinata: si butta dall'auto in corsa sulla provinciale per fuggire

Il fatto era accaduto a Varedo lungo la provinciale Monza-Saronno nel luglio 2019, arrestato il presunto responsabile che aveva rapinato una giovane prostituta

Immagine repertorio

Si era trovata nella macchina di un cliente con un coltello puntato alla gola. Era stata picchiata e per lei erano stati interminabili attimi di terrore. Si era salvata buttandosi dall'auto in corsa sulla provinciale, approfittando di un attimo di distrazione del suo aguzzino. E ora, quasi un anno da quella tremenda notte, per il presunto responsabile sono scattate le manette, arrestato dai carabinieri di Varedo; nei guai un italiano di 38 anni residente a Cesate.

Tutto era accaduto a Varedo luglio del 2019 quando la donna, che all'epoca dei fatti svolgeva l'attività di meretricio lungo la provinciale Monza-Saronno, era stata avvicinata da un uomo con la scusa di consumare una prestazione sessuale. Era entrata nell'abitacolo e lui in pochi attimi si era trasformato in un aguzzino iniziando a minacciarla con un coltello: "Dammi tutti i soldi e non ti faccio niente", le aveva detto. Davanti alla risposta negativa della giovane, che non aveva denaro con sé', l'aveva colpita con una gomitata allo stomaco per poi strapparle la borsa dalle mani. 

Mentre lui frugava in mezzo alla borsa la giovane aveva approfittato per buttarsi dall'auto in corsa. Una volta in salvo aveva lanciato l'allarme. Sul posto erano intervenuti i carabinieri che avevano raccolto la sua testimonianza e avviato le indagini. La giovane, invece, era stata trasportata al pronto soccorso dell'ospedale di Desio dove dove le erano state diagnosticate diverse contusioni derivanti dalle percosse ricevute e dalla caduta dal mezzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attraverso la descrizione della donna, oltre a una minuziosa analisi delle varie telecamere di videosorveglianza della zona, i militari dell’arma sono riusciti a identificare il presunto responsabile, che peraltro in passato si era già reso responsabile di analoghi eventi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Tumore al pancreas in stadio avanzato: operazione "unica" all'ospedale di Vimercate per una donna

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • "Aiuto la mamma è in pericolo", bimbo di tre anni chiama i vicini e salva madre

  • Il maltempo fa paura a Monza: prevista acqua a secchiate e grandine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento