menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I coltelli sequestrati

I coltelli sequestrati

Notte di terrore in via Guerrazzi: armato di coltello rapina quattro persone

E' accaduto nella notte tra martedì e mercoledì: due uomini sono riusciti a fuggire e dare l'allarme alla Polizia di Stato mentre due vittime sono state minacciate e derubate. In manette un 24enne egiziano

Ha vagato per diverse ore in via Guerrazzi, a Monza, fuori di sè, alla ricerca di vittime da spaventare e derubare fino a che a fermare il 24enne che aveva terrorizzato un intero quartiere, pochi istanti prima che potesse arrivare la polizia, ci ha pensato un ramo. 

Mentre inseguiva la sua ultima vittima infatti, la quarta della notte tra martedì e mercoledì, il malvivente è finito contro un albero all'interno di un giardino condominiale ed è caduto a terra, fratturandosi il setto nasale proprio poco prima che gli agenti del commissariato di Polizia di Stato di Monza lo bloccassero. 

Tutto è iniziato quando un ragazzo di 25 anni è stato avvicinato dal malintenzionato, un 24enne egiziano con regolare permesso di soggiorno in Italia e senza precedenti alle spalle, mentre stava rincasando. Il rapinatore ha chiesto alla vittima del denaro e il ragazzo, pensando volesse qualche euro di elemosina, gli ha dato un euro. Indispettito il rapinatore è diventato più aggressivo e lo ha minacciato estraendo un coltello e puntandoglielo contro: spaventato, il giovane ha tentato di scappare in direzione di un altro gruppo di ragazzi che si trovava poco distante e, allontanandosi, è riuscito a dare l'allarme alla centrale operativa del commissariato di Polizia di Stato che è accorsa sul posto con una volante. Mentre la vittima indicava agli agenti il rapinatore in fuga, il 24enne aveva già puntato la sua prossima vittima senza nemmeno preoccuparsi molti di allontanarsi. 

Il malvivente, forse sotto effetto di alcol o droga, è entrato in un condominio poco distante e ha rapinato un uomo di 45 anni minacciandolo con le sue armi. Alla vista dei coltelli l'uomo ha cercato di scappare e il 24enne lo ha inseguito correndo nel buio fino a schiantarsi contro un ramo del giardino e ferirsi. Solo dopo che il rapinatore è stato raggiunto, immobilizzato e arrestato dai poliziotti però è emerso che i due uomini non erano le uniche vittime della "notte di terrore" seminata in via Guerrazzi dal 24enne.

In commissariato, dopo la perquisizione, addosso al malvivente sono stati trovati contanti e due telefoni cellulari per i quali si è provato a identificare i proprietari. I poliziotti hanno rintracciato una donna quarantenne, che ha ammesso di essere stata rapinata poco prima dal balordo sempre in via Guerrazzi. La signora ha raccontato di essere stata avvicinata dal 24enne mentre rincasava nei box: il rapinatore ha estratto i due coltelli e l'ha minacciata per farsi consegnare 15 euro e il cellulare. 

La stessa triste scena nella stessa notte aveva avuto come protagonista anche un'altra vittima, una ragazza di 28 anni che sempre in via Guerrazzi era stata fermata, minacciata, costretta a inginocchiarsi, e derubata. Dopo aver avuto notizia da alcuni vicini dell'intervento della polizia, la ragazza aveva deciso di contattare il commissariato per riuscire a recuperare il telefono che l'uomo le aveva rubato, privandolo però della scheda sim e quindi di ogni possibilità di risalire al proprietario. 

Il 24enne, incensurato, è stato arrestato e si trova in carcere: ora dovrà rispondere di due tentate rapine e di due rapine aggravate. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento