Rave party tra venerdì e sabato, sentiti stamane i 4 fermati

Erano partiti da Trezzo, ma dopo l'intervento dei carabinieri si sono trasferiti tra Limbiate e Solaro. Cacciati anche da qui, si sono mossi verso Cusago, dove nel corso del terzo sgombero ci sono stati violenti scontri. Una ragazza in coma

Un'immagine degli scontri (fonte: Radiondadurto.org)

MONZA - Si è svolto questa mattina l'interrogatorio di convalida dei quattro giovani arrestati, per resistenza e violenza, nel corso dei disordini scoppiati sabato sera nel corso di un rave a Cusago, nel milanese. I ragazzi sono stati sentiti a San Vittore dal gip di Milano Luigi Varanelli che si è riservato a decisione sulla convalida del fermo. La decisione è attesa per domani. I giovani avevano cominciato la serata a Trezzo, ma erano stati sgomberati dagli agenti senza incidenti; si sono trasferiti in una capannone tra Limbiate e Solaro, da cui erano stati cacciati una seconda volta senza incidenti. Il terzo e ultimo spostamento è stato in direzione di Cusago, nel milanese, dove la Polizia è intervenuta entrando con poche decine di uomini in mezzo a una festa da almeno 1.500 persone. Quando i dj hanno spento  la musica, cori e insulti nei confronti degli agenti sono stati l'anticamere del parapiglia generale, con lanci di oggetti, manganellate  e scontri tra forze dell'ordine e ragazzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL BILANCIO - Quattro arresti, una ragazza in coma farmacologico e operata per un'emorrragia: questo il bilancio, ma secondo il sindacato degli agenti "è stato un miracolo che non ci sia scappato il morto".Sbagliato, affermano in una nota i rappresentanti delle forze dell'ordine, mandare al macello pochi uomini nel mezzo di una festa di quelle dimensioni. La versione dei ragazzi della Hazard Unitz Crew  è diversa, e racconta dei poliziotti che avrebbero cominciato ad usare le maniere forti pochi istanti dopo essere entrati nel capannone. Al proprietario del fabbricato, scrivono i giovani, sarebbe stato intimato di sporgere denuncia, atto necessario a far partire lo sgombero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

  • Pizza e cocaina nel locale, tre arresti dei carabinieri a Giussano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento