rotate-mobile
Cronaca San Fruttuoso / Strada Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga

Cosa è successo sulla Statale 36: perchè potrebbero esserci ancora code

Mattinata d'incubo in Valassina per chi andava verso la Valtellina

È stata riaperta la Strada Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga. L'attesa notizia è stata comunicata introno alle 14 da Anas: durante la notte tra sabato 13 e domenica 14 agosto si è verificata la caduta di un masso dalla montagna soprastante, che ha anche danneggiato della auto in transito e ha reso necessaria la chiusura della frequentatissima arteria viabilistica, la principale della Lombardia. Durante la giornata odierna (14 agosto) gli addetti hanno eseguito le necessarie verifiche e hanno operato per la messa in sicurezza del tratto interessato dalla caduta, riaprendolo poi al traffico veicolare.

Inevitabilmente la circolazione ne ha risentito in maniera pesantissima: migliaia di veicoli hanno dovuto bypassare il problema buttandosi sulla SS36, tagliando la Valsassina per poi scendere da Taceno a Bellano e proseguire il proprio viaggio verso la Valtellina e la Svizzera. La città capoluogo, Lecco, è stata bloccata per praticamente tutta la giornata.

La nota di Anas: "Il tratto della statale 36 “Del Lago di Como e dello Spluga”, precedentemente chiuso al km 56,000 in direzione nord ad Abbadia Lariana (in provincia di Lecco) per la caduta di alcuni massi lungo la strada, è stato completamente riaperto al traffico. La chiusura si era resa necessaria per consentire da parte di Anas le verifiche lungo il versante roccioso limitrofo, di competenza degli enti territoriali, al fine di garantire la messa in sicurezza e la pulizia dell’area e del tracciato sottostante."

massi 2-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosa è successo sulla Statale 36: perchè potrebbero esserci ancora code

MonzaToday è in caricamento