Valassina, verso la riapertura della strada dopo il disastro del crollo

Il personale ha lavorato senza sosta per rimuovere le macerie e i mezzi incidentati, resta da ricostruire il guard rail e riasfaltare la strada

Gli addetti di Anas e delle ditte incaricate hanno lavorato senza sosta, insieme ai soccorsi, per rimuovere le macerie, i calcinacci e i mezzi incidentati dalla strada statale 36 del Lago di Como e dello Spluga dopo il crollo che venerdì pomeriggio si è verificato lungo il cavalcavia sopra la Valassina all'altezza della strada provinciale 49 dove è rimasto ucciso un uomo e altre persone sono state ferite.

La carreggiata è stata liberata dalle macerie e il tratto risulta sgombro dalle macerie tanto che la riapertura della strada statale 36 del Lago di Como e dello Spluga, ora interrotta, potrebbe avvenire a breve. Al momento restano da ultimare gli interventi sul guard rail con il ripristino delle barriere di sicurezza ai lati della carreggiata e la riasfaltatura del tratto. Secondo le prime indiscrezioni la Valassina potrebbe quindi essere riaperta già nella serata di lunedì ma non è ancora stata comunicata nessuna data ufficiale e nemmeno un orario. 

GUARDA IL VIDEO DEL CROLLO | Il cavalcavia crolla in presa diretta

crollo-4

Fino alla riapertura resta obbligatoria l'uscita a Nibionno, per chi viaggia da Milano verso Lecco; per chi - invece - viaggia in direzione sud la strada indicata è quella verso Suello-Como-Erba.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

  • Incidente a Monza, scontro tra auto e ambulanza diretta al San Gerardo

Torna su
MonzaToday è in caricamento