Adescava minorenni in rete, le ricattava e poi le violentava

Arrestato per violenza sessuale e detenzione di materiale pedopornografico un 39enne albanese

Prima le adescava attraverso la rete, facendo credere loro di essere un 17enne, poi le invitava a scattarsi delle fotografie e a inviargliele. Una volta ricevute le immagini però il "mostro" usciva allo scoperto e ricattava le giovani vittime, obbligandole ad avere un rapporto sessuale con lui per evitare che le istantanee fossero divulgate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri di Desio, grazie a un'indagine partita dalla denuncia di una mamma, hanno rintracciato e arrestato un albanese irregolare in Italia di 39 anni. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa per violenza sessuale e detenzione di materiale pedopornografico. Tra le vittime minorenni dell'adescatore, almeno tre, anche una ragazza con alcuni deficit cognitivi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento