Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Libertà / Viale Sicilia

Fermano furgone per un controllo: trovano tre pregiudicati e una "miniera" di rame

Tre denunce in concorso per ricettazione, trasporto illegale di rifiuti e minacce a pubblico ufficiale

Hanno fermato un furgone con un carico di rifiuti sospetti e hanno trovato tre pregiudicati, chili e chili di rame probabilmente rubato e un addetto ai lavori senza alcuna autorizzazione per il trasporto di materiale di scarico e nemmeno un'iscrizione all'albo.

Questa la scoperta che ha fatto la polizia locale in viale Sicilia mercoledì, quando all'altezza di viale Stucchi gli agenti hanno fermato per un controllo stradale un furgone Ford Transit con a bordo tre uomini. Gli operai si sono mostrati fin da subito nervosi e hanno risposto in maniera confusa alle domande degli agenti, senza saper indicare con precisione da dove provenisse il carico e dove fossero diretti.

A bordo del mezzo i tre trasportavano materiale ferroso e rame oltre il limite consentito. Il proprietario del veicolo è risultato senza alcuna autotizzazione per il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti e senza nemmeno un'iscrizione all'albo di riferimento per gli addetti del settore. 

Da un accertamento è emerso anche che i tre, originari di Reggio Calabria, Taurianova e Catanzaro, avessero diversi precedenti penali alle spalle per furto, oltraggio a pubblico ufficiale, maltrattamenti in famiglia, minacce e gestione non autorizzata di rifiuti. Sul rame che trasportavano non hanno saputo dare alcuna indicazione e per questo è scattata una denuncia in concorso per ricettazione e trasporto di rifiuti pericolosi. Quando i tre si sono allontanati poi hanno salutato gli agenti con una minaccia nemmeno troppo velata: "Ti giuro che se ti incontro per strada ti mettto sotto" ha detto il conducente al personale in servizio. Frase che è costata ai tre anche una denuncia in concorso per minacce a pubblico ufficiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermano furgone per un controllo: trovano tre pregiudicati e una "miniera" di rame

MonzaToday è in caricamento