rotate-mobile
Cronaca Stazione / Via Filippo Turati

Rissa fuori dalla stazione: botte per un cellulare rubato

Due giovanissimi stranieri sono stati sanzionati e allontanati. L'intervento della polizia locale

Botte per un cellulare furi dalla stazione a Monza in pieno giorno. Mercoledì pomeriggio, intorno alle 16.30, la polizia locale cittadina è intervenuta nei pressi del Binario 7, sul lato che affaccia in piazza Castello, per dividere alcune persone sorprese a picchiarsi in strada. 

All'arrivo della volante il drappello di curiosi e di persone intente a prendere le difese di uno o dell'altro contendente si è volatilizzato mentre sono rimasti fermi, intenti ad aggredirsi a vicenda con botte e pugni, i due rivali. A mettersi le mani addosso sono stati un 18enne, residente nel comasco ma originario del Gambia, in possesso di regolare permesso di soggiorno, e un ventenne della Costa d'Avorio, senza fissa dimora e in attesa del riconoscimento dello status di rifugiato.

Quest'ultimo ha spiegato agli agenti di essere stato vittima del furto del telefono cellulare e di ritenere il giovane responsabile del gesto. Il 18enne però si è dichiarato estraneo ai fatti e per entrambi è scattata una multa e l'ordine di allontanamento immediato dall'area sulla base delle disposizioni previste dal decreto Minniti, da poco introdotto.

Grazie al raffronto con le impronte digitali è emerso che il ventenne fosse arrivato clandestinamente in Italia nel 2015 e avesse presentato richiesta per il riconoscimento dello status di rifugiato. Sul suo conto però sono emersi anche numerosi precedenti: alcuni dei quali per spaccio di droga. Per questo motivo gli agenti del comando di via Marsala hanno ritenuto opportuno allontanarlo dall'area e inviare una informativa al Questore. Almeno per 48 ore i due dovranno restare lontani dalla stazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa fuori dalla stazione: botte per un cellulare rubato

MonzaToday è in caricamento