Coronavirus, la casa farmaceutica dona gratis il farmaco "anti Covid-19" a tutti gli ospedali

Tocilizumab sta dando buoni risultati nei pazienti con Coronavirus. Tutti i dettagli

Il Coronavirus non ferma la solidarietà. La Roche, casa farmaceutica internazionale con sede in Svizzera, ha infatti annunciato di essere pronta a "fornire gratuitamente per il periodo dell’emergenza, tocilizumab RoActemra a tutte le Regioni che ne facciano richiesta". 

Il RoActemra è il medicinale, con tocilizumab come principio attivo, che viene solitamente usato come farmaco per l'artrite reumatoide è stato sperimentato in Cina e a Napoli su pazienti affetti da Covid-19 e ha dato risultati molto incoraggianti. Da qui la decisione dell'azienda di donare il farmaco a tutti gli ospedali italiani, "fatte salve le scorte necessarie a consentire la continuità terapeutica ai pazienti affetti da patologie per cui il prodotto è autorizzato".

Coronavirus, gratis il farmaco anti Covid-19

"Il farmaco, attualmente impiegato per il trattamento dell’artrite reumatoide, non è indicato per il trattamento della polmonite da Covid-19, ma la comunità scientifica sta dimostrando interesse al suo utilizzo dopo l’inserimento nelle linee guida cinesi - ha chiarito la Roche -. Oltre alla donazione del farmaco, l’Azienda ha dato la propria disponibilità ad Aifa per avviare uno studio clinico sull’efficacia e sicurezza di tocilizumab anche in questi pazienti".

"Il gesto è davvero molto bello perché alimenta e rafforza la speranza di noi tutti - ha commentato il Partito democratico, annunciando la notizia -. E viene incontro ad un sistema sanitario che sta lottando, senza arrendersi, allo stremo delle forze, dandogli uno strumento in più senza intaccare le sue risorse. Un grazie dunque anche da parte nostra a Maurizio de Cicco", presidente e amministratore delegato di Roche Farma. "È così che vinceremo questa battaglia. Tutti uniti e ognuno facendo la sua parte".

Non solo il farmaco, però. Perché Roche ha anche deciso di donare 1 milione di euro "in dispositivi di protezione per i medici di medicina generale e attrezzature per le terapie intensive", ha avviato una operazione di “volontariato di competenza” e ha lanciato la campagna “Stai a casa, leggi un libro” rivolta ai giovani under 25 di Milano e Monza. 

“Come azienda che opera nelle scienze della vita, raggiungiamo ogni giorno milioni di italiani con farmaci e test diagnostici e in questa situazione di emergenza sentiamo ancora più forte la responsabilità del nostro ruolo sociale - ha commentato Maurizio De Cicco -. Tempi straordinari richiedono sforzi altrettanto straordinari. Se vogliamo lasciare un’impronta, come Azienda e come persone, dobbiamo pensare in maniera diversa e mettere a disposizione del Paese le nostre competenze e le nostre risorse".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento