Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Roncello

Picchiano i carabinieri: avevano chiesto di abbassare la musica durante una festa

È successo nella notte tra giovedì e venerdì a Roncello, arrestati tre ragazzi

Resistenza a pubblico ufficiale e lesione aggravate. Sono le accuse a cui devono rispondere due fratelli romeni di 29 e 19 anni, incensurati, arrestati nella notte tra giovedì e venerdì 13 luglio a Roncello, in Brianza, dopo che avevano picchiato un carabiniere. Per gli stessi reati è stata denunciata una ragazzina di 14 anni italiana, figlia adottiva del 29enne. Il fatto è stato reso noto dai militari della compagnia di Vimercate con una nota.

L'aggressione si è consumata intorno alle 2 di notte: i carabinieri erano arrivati davanti alla loro abitazione dopo che diversi residenti avevano segnalato musica alta e schiamazzi al 112. Quando i carabinieri hanno chiesto loro i documenti è nato il parapiglia: il 29enne — "in stato di alterazione alcolica", precisano i militari — si è scagliato  insieme al 19enne contro un carabinieri colpendolo con due pugni in faccia. Anche la 14enne ha avuto "un ruolo particolarmente attivo durante la breve colluttazione", precisano gli investigatori.

Risultato? Tutti e tre sono stati accompagnati in caserma e trattenuti nelle camere di sicurezza. Giudicati per direttissima nella giornata di venerdì il 29enne è stato sottoposto all'obbligo di firma, mentre per il 19enne non è scattata alcuna misura. I militari hanno riportato traumi contusivi vari medicati all’ospedale di Vimercate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiano i carabinieri: avevano chiesto di abbassare la musica durante una festa

MonzaToday è in caricamento