Martedì, 16 Luglio 2024
Il fatto

Dopo il Gran Premio il pilota Carlos Sainz rapinato dell'orologio da 500mila euro

Il ferrarista ha inseguito i ladri insieme ai passanti e li ha fatti arrestare

Il tentativo di furto e la corsa dietro ai rapinatori. Il pilota della Ferrari Carlos Sainz è stato rapinato a Milano del suo orologio da 500mila euro. Dopo l'assalto, col suo manager e alcuni passanti, ha inseguito i ladri per le vie del Quadrilatero della Moda fino a bloccarli. 

Il fatto è accaduto domenica sera, dopo il Gran Premio di Formula 1 di Monza. Ne dà conferma la questura di Milano, che ricostruisce l'episodio, avvenuto attorno alle 20.30, davanti all'hotel Armani, in via Manzoni. A quell'ora, tre sconosciuti si sono avvicinati al pilota che era in compagnia del manager. Senza perder tempo uno di loro ha strappato dal polso sinistro del ferrarista un orologio Richard Mille modello Alexander Zverev (valutato tra i 350mila e i 500mila euro) per poi scappare verso via Montenapoleone.

Il pilota di Formula 1 non ci ha pensato un attimo. A bordo dell'auto del manager ha subito cercato di bloccare la fuga dei tre. Poi, dopo aver abbandonato l'auto e, con l'aiuto di due passanti, è riuscito a bloccare in via Pietro Verri uno dei rapinatori. Un altro è stato fermato in via della Spiga dal manager dello spagnolo. Mentre il terzo è stato bloccato poco distante da un altro componente dello staff del pilota, con la collaborazione dei passanti.

La polizia di Stato, arrivata nel frattempo con diverse volanti, ha quindi arrestato i tre. Sono tutti cittadini marocchini di 18, 19 e 20 anni. Per loro l'accusa è quella di rapina in concorso. Recuperato l'orologio, per Carlos Sainz, arrivato terzo al Gp dopo le Red Bull di Verstappen e Perez, quella di domenica resterà una giornata indimenticabile. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo il Gran Premio il pilota Carlos Sainz rapinato dell'orologio da 500mila euro
MonzaToday è in caricamento