Un caso di scabbia alla scuola media di Cambiago, il preside: "Niente allarmismo"

Il caso emerso il 16 novembre: già partite le procedure del caso

immagine repertorio

Un caso di scabbia nella scuola media di Cambiago, un centro della Città Metropolitana di Milano a nord di Gessate sull'A4. La situazione è stata trattata con il massimo riserbo ma inevitabilmente la voce era iniziata a circolare, costringendo il dirigente scolastico Umberto Pesce a pubblicare, mercoledì 21 novembre, una comunicazione per tranquillizzare i genitori. Lo riferisce La Martesana.

La nota della dirigenza specifica che il 16 novembre è stata diagnosticata la scabbia. A seguito di ciò, in base alle indicazioni fornite da Ats, la dirigenza ha diramato disposizioni al personale della scuola e ai genitori della classe interessata. 

Succede a Cambiago. La dirigenza scolastica ha emanato oggi un comunicato sottolineando che non risultano altri casi di scabbia. Fino al 21 novembre, giorno della nota ufficiale, non sono stati segnalati nuovi casi di scabbia a Cambiago. Ats (riferisce il dirigente scolastico) suggerisce comunque, "in caso di sintomi sospetti, di recarsi dal proprio medico curante o pediatra".

La dirigenza aggiunge che "sono state eseguite le indicazioni dell’Ats in materia di igiene in maniera più attenta, rispetto a quanto già effettuato normalmente. Si consiglia alle famiglie di adottare idonee misure igieniche. Nel caso di ulteriori sviluppi si procederà con adeguata comunicazione alla comunità scolastica”.

Cos'è la scabbia

Poiché spesso si parla di scabbia in modo allarmistico, occorre approfittarne per spiegare con precisione di che cosa si tratta, come si manifesta e quali sono i rischi e pericoli reali. La scabbia è una malattia contagiosa della pelle causata da un acaro che penetra all'interno della pelle stessa provocando prurito allergico.

Conosciuta fin dall'antichità, è una delle malattie della pelle più comuni tra i bambini. La trasmissione avviene per contatto diretto (pelle-pelle) con persone o animali già infetti, ma di solito occorre qualche minuto di contatto perché vi sia trasmissione. Poiché gli acari scavano dei cunicoli sotto pelle, la scabbia si manifesta con eruzioni cutanee a forma di linea o di "s". 

Il medico, dopo avere diagnosticato la scabbia, prescrive farmaci e creme appositi per eliminare l'infezione. E' possibile che i familiari siano coinvolti nella terapia. La scabbia non è una malattia mortale o che procura danni permanenti. Occorre senz'altro intervenire ma senza farsi prendere dal panico o dall'allarmismo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

Torna su
MonzaToday è in caricamento