Alcatel Lucent, due giorni di sciopero contro i tagli

La manifestazione dei lavoratori contro i tagli previsti dall'azienda dalla sede di Vimercate approderà all'Omnicomprensivo: un presidio di 8 ore è previsto per venerdì 28 marzo e per lunedì 31

Una manifestazione dei lavoratori di Alcatel

I lavoratori di Alcatel Lucent sono di nuovo sul piede di guerra: a Vimercate contro la decisione della multinazionale francese delle telecomunicazioni di tagliare parte del personale annunciano una mobilitazione con 8 ore di sciopero per le giornate di venerdì 28 marzo e di lunedì 31.

Nella sede aziendale saranno allestiti presidi alle portinerie mentre a Vimercate si svolgerà la manifestazione che approderà al complesso scolastico dell’Omnicomprensivo perché la vicenda di Alcatel inviti a riflettere sul futuro che stiamo costruendo per i nostri figli.

Nel comunicato sindacale diffuso i dipendenti denunciano il piano di tagli previsto dai vertici aziendali che dei 600 licenziamenti in programma riserva 450 esuberi solo a Vimercate: “L’azienda ha deciso di chiudere il centro di R&D sulle trasmissioni ottiche” si legge “sino ad oggi considerato core business e di ridurre drasticamente il personale che si occupa delle vendite, del supporto e delle funzioni centrali”.

La protesta avrà luogo proprio lunedì 31 mentre a Roma, al Ministero per lo Sviluppo Economico, si terrà un incontro cruciale con i vertici della multinazionale per definire il futuro degli investimenti di Alcatel Lucent in Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’appello dei lavoratori alle istituzioni e alla Regione non è solo una richiesta di solidarietà ma rappresenta il punto di partenza per ripensare il futuro: “Riteniamo che la questione delle aziende che se ne vanno e disinvestono nel nostro territorio ed in regione Lombardia non è solo un problema di chi perde il posto di lavoro” si legge sempre nel comunicato “ma è un problema di prospettive e di sviluppo, di occupazione per i tanti giovani che oggi studiano nelle scuole superiori e nelle nostre università e di tenuta complessiva del tessuto sociale. Questa è la ragione per la quale abbiamo deciso di manifestare dalla sede di Alcatel Lucent di Vimercate al centro scolastico omnicomprensivo di Vimercate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento