Muggiò, scoperto deposito abusivo di ricambi auto: tutta merce rubata

I carabinieri di Desio hanno fatto irruzione in un capannone in via Bezzecca e hanno scoperto un magazzino abusivo di vendita in nero di ricambi per vetture: cinque arresti per riciclaggio e ricettazione

Il capannone a Muggiò

C'era di tutto, anche più di quanto si possa trovare al primo colpo in una rivendita di ricambi ufficiale.

Motori, scocche, sportelli, cruscotti, pneumatici, componentistica elettronica e navigatori satellitari tutti catalogati, per marca e tipologia, in perfetto ordine: una sorta di negozio di autoricambi che lì, in quel capannone industriale in via Bezzecca a Muggiò, non doveva esserci (Guarda il video).

I carabinieri di Desio hanno scoperto un deposito illegale dove i componenti venivano ceduti in nero a qualsiasi acquirente interessato e disposto a fare poche domande.

Nessun registro di carico, nessuna bolla di accompagnamento, nessun documento che attestasse la legittima provenienza della merce.

Cinque persone sono state arrestate per ricettazione e riciclaggio: al momento dell’irruzione dei carabinieri nel capannone due uomini sono stati pizzicati a smontare auto provento di furto per ricavarne i ricambi con cui rifornire il magazzino. 

Ma le sorprese non sono finite qui perché i carabinieri hanno scoperto anche sette box dove veniva custodita la merce da immettere sul mercato del commercio illegale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Su quali siano i rapporti tra la banda dei ricambisti, quattro italiani e un albanese, e quella dei topi d’auto che rubavano le vetture, sono ancora in corso le indagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento