Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Collaborazione tra Avis e San Gerardo per le scorte di sangue

Avis Comunale Monza e le Avis del circondario si attivano per fronteggiare la necessità di scorte di sangue dell'Ospedale San Gerardo di Monza, in calo nel periodo estivo.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

L'estate è tempo di vacanze per molti ma non per tutti. Tra le tante categorie sempre operative ci sono i medici ma soprattutto… i malati. Anche a Monza. Il Centro Trasfusionale dell'Ospedale San Gerardo, che lavora sempre a pieno regime, ha richiesto la collaborazione di Avis Monza per poter rispondere anche nel periodo estivo al fabbisogno di sangue, plasma e piastrine, essenziali per curare e salvare vite umane. Il sangue e i suoi derivati sono impiegati nelle operazioni chirurgiche, nelle cure ai malati oncologici e, per quanto riguarda il San Gerardo, anche nella sua attività di emergenza come trauma centre.

I numeri parlano chiaro: 60 donazioni di sangue e 5 aferesi multiple sono il fabbisogno quotidiano dell'Ospedale San Gerardo di Monza, anche nei mesi di luglio e agosto. I due mesi estivi sono indubbiamente i mesi più difficili per la gestione del flusso di sangue. I donatori partono per le vacanze, ma anche chi torna può essere sottoposto a uno stop precauzionale nel caso abbia soggiornato in zone a rischio contagio di Nile West Virus, trasmesso dalle zanzare. Dal 1 luglio al 30 novembre è infatti prevista una sospensione di 28 giorni ai donatori che soggiornano, anche per una sola notte, nelle province di Treviso e Venezia, nel Friuli Venezia Giulia, in Sardegna e nella provincia di Matera. Per l'estero, la sospensione riguarda i soggiorni in Grecia, Ungheria, Romania, Israele, Palestina, Romania, Turchia, Tunisia, Russia, Albania, Algeria, Ucraina, Bosnia, Croazia, Kosovo, Macedonia, Montenegro, Serbia e Slovenia.

L'anno scorso questa identica situazione provocò non pochi disagi al nosocomio monzese, costretto a viaggiare "in riserva" per gran parte di agosto. Per ovviare al problema, il San Gerardo ha chiesto la collaborazione di Avis Monza e di tutte le Avis Comunali del circondario chiedendo di attivare tutti i canali di approvvigionamento. Avis Comunale Monza si è mossa rivolgendo un appello diretto individualmente a ogni donatore, affinché programmi opportunamente la propria donazione in questo periodo critico. Avis Monza può contare su circa 4500 iscritti: sono questi i volontari che, insieme ai donatori appartenenti alle altre Avis comunali del territorio, sostengono l'attività dell'Ospedale San Gerardo con la loro donazione periodica.

Anche l'apporto di nuovi iscritti all'Avis è sempre più importante: poter contare infatti su un grande numero di donatori permette di avere una maggior regolarità nel flusso di raccolta di sangue, e quindi aumentare la possibilità di salvare più vite umane e di alimentare maggiori speranze.

Avis Comunale Monza invita tutti i monzesi a pensare alla necessità di donare sangue e ad attivarsi per questo: è un gesto importante di cittadinanza attiva e responsabile.

Per informazioni sulla donazione e contatti: www.avismonza.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Collaborazione tra Avis e San Gerardo per le scorte di sangue

MonzaToday è in caricamento