Cronaca

BrianzAcque, il TAR respinge il ricorso del Comitato Beni Comuni

Il ricorso è "inammissibile" per carenza di legittimazione dei ricorrenti: a stabilirlo è una sentenza emessa dal Tar della Lombardia

Il ricorso con cui tre consiglieri del Movimento Cinque Stelle e il Comitato Beni Comuni si erano appellati al TAR nel 2013 per chiedere l'annullamento della delibera con cui l’ATO di Monza e della Brianza confermava la gestione unica del servizio idrico integrato a Brianzacque secondo il modello “in house” è stato bocciato.

Secondo i giudici della Terza Sezione del Tribunale Amministrativo Regionale il ricorso è "inammissibile" perchè il Comitato e i tre consiglieri non hanno dimostrato di avere i requisiti di rappresentatività necessari per la tutela dell’interesse di cui si dichiarano portatori.

Per quanto riguarda i tre esponenti del Movimento Cinque Stelle non possono invocare la legittimazione della minoranza a impugnare una delibera dell’organo di cui fanno parte (Il Comune), dato che la delibera impugnata è dell’ ATO.

Il TAR ha inoltre condannato tutti i ricorrenti al pagamento in solido delle spese processuali: 3.500 euro all’Azienda Speciale Ufficio d’Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Monza e Brianza (ATO) e altrettanti 3.500 a Brianzacque, gestore unico del servizio idrico integrato sul territorio.

"Ora, ci auguriamo che il tempo delle polemiche sterili e pretestuose sia terminato e che l’azienda venga valutata in ragione del mutato assetto societario e della qualità dei servizi offerti" ha commentato Brianzacque accogliendo la sentenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

BrianzAcque, il TAR respinge il ricorso del Comitato Beni Comuni

MonzaToday è in caricamento