menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un sequestro in un magazzino (Immagine di Repertorio)

Un sequestro in un magazzino (Immagine di Repertorio)

Maxi sequestro della Guardia di Finanza di prodotti "made in China"

Le Fiamme Gialle di Monza hanno effettuato alcuni controlli in due negozi gestiti da cittadini cinesi a Lissone e a Meda: 40 milioni di prodotti sono stati ritirati dal mercato. Cinque le denunce per contraffazione e ricettazione

Un controllo della Guardia di Finanza ha portato al sequestro di 40 milioni di pezzi in due negozi gestiti da cittadini cinesi in Brianza.

I sopralluoghi sono scattati nell'ambito di un'attività di monitoraggio delle Fiamme Gialle monzesi e si sono concentrati in due esercizi a Lissone e a Meda.

Qui, nei giorni scorsi, i finanzieri hanno sequestrato un gran numero di prodotti venduti sugli scaffali e presenti nei magazzini: si tratta di abbigliamento, casalinghi, cover dei telefonini e ancora bigioterria. Tutta merce non conforme agli stand di sicurezza e potenzialmente pericolosa per i consumatori.

Gli articoli erano privi di certificazioni ed etichettature circa la loro provenienza e compisizione: le Fiamme Gialle hanno impedito che un ingente quantitativo di articoli di ferramenta, bigiotteria, cancelleria per la scuola e ancora giocattoli per bambini, tutti sugli scaffali pronti per essere venduti, finissero nelle mani dei clienti.

In totale sono stati denunciati per ricettazione e contraffazione cinque cittadini cinesi e sono scattate le segnalazioni alla Camera di Commercio di Monza e Brianza per le sanzioni da comminare per le violazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento