Sei milioni di prodotti cinesi non sicuri: maxi sequestro

La guardia di finanza è intervenuta in un magazzino della periferia di Monza. Ora i prodotti dovranno essere certificati o verranno distrutti

Maxi sequestro a Monza

Più di sei milioni di prodotti fabbricati in Cina e non sicuri erano pronti per essere venduti in tutta la Brianza. Li ha sequestrati la guardia di finanza in un magazzino della periferia di Monza: erano tutti sprovvisti di etichetta indicante la composizione, il materiale e la provenienza.

Per l'esattezza, si tratta di sei milioni e 700mila pezzi di vario tipo, dalla ferramenta alla cura personale a oggettistica. I finanzieri li hanno trovati stipati in bancali all'interno del magazzino di 2.500 mq. Il titolare della società dovrà pagare una multa salata ma anche rendere i prodotti conformi alle norme europee attraverso una certificazione: altrimenti verranno distrutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

Torna su
MonzaToday è in caricamento