Colla e nastri adesivi contraffatti, la Finanza sequestra 13mila prodotti a Monza

L'attività segue il maxi sequestro di gennaio che aveva portato i finanziari a individuare un rivenditore del Napoletano che era stato denunciato

Da Concorezzo a Nola di Napoli e poi da qui di nuovo a Monza. Il "secondo atto" dell'operazione Lapis che ha visto impegnati i militari della Guardia di Finanza di Monza ha portato al sequestro di 13mila prodotti di cancelleria contraffatti. Il materiale - colla e nastri adesivi - è stato rintracciato e sequestrato all'interno dei locali di una società del capoluogo brianzolo che avrebbe poi distribuito la merce ai rivenditori della provincia.

Le Fiamme Gialle monzesi hanno individuato il magazzino seguendo la filiera di distribuzione della merce contraffatta rinvenuta in un magazzino di Nola di Napoli dove lo scorso gennaio erano stati sequestrati 523mila articoli di cancelleria che riportavano il marchio di aziende leader che in realtà erano stati contraffatti.
In quell'occasione l'uomo, che risultava aver commissionato gli articoli con il marchio falsato prodotti in Cina, era stato denunciato per il reato di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segno falso e ricettazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento