Sequestrata una villa da 800mila euro a Correzzana dalla Guardia di Finanza

L'immobile risulta intestato a un cittadino italiano residente all'estero ma di fatto domiciliato in Brianza, condannato in via definitiva per una frode fiscale da 13 milioni di euro

Guardia di Finanza

A Correzzana la Guardia di Finanza ha sequestrato una villa del valore commerciale di 800mila euro. L'immobile risulta intestato a un cittadino italiano residente all'estero ma di fatto domiciliato in Brianza, condannato in via definitiva per una frode fiscale da 13 milioni di euro.

I militari delle Fiamme Gialle sono arrivati a far scattare i sigilli sull'abitazione di pregio dopo aver iniziato a indagare sulla posizione fiscale di una cittadina brianzola, residente in una villa intestata ad un soggetto di diritto anglosassone, risultata evasore totale per aver omesso di dichiarare al fisco italiano i redditi prodotti in Svizzera.

Dopo gli approfondimenti effettuati è stato scoperto che sull'abitazione pendeva una sentenza di confisca, divenuta irrevocabile, emessa dalla Corte d'Appello di Milano, tra gli altri, nei confronti dell’effettivo proprietario, condannato per il reato di associazione per delinquere finalizzata all’emissione e all’utilizzo di fatture false che aveva consentito al sodalizio criminale di sottrarre all’erario oltre 13 milioni di euro.

La Guardia di Finanza, su disposizione della Procura di Milano, ha dato esecuzione al decreto di confisca definitiva della villa brianzola. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Pitbull azzanna padrone ai genitali, 40enne uccide il suo cane per salvarsi

  • Coronavirus, il primo giorno di "coprifuoco" per Monza: ecco tutti i divieti nella 'zona gialla'

  • Lissone, trovato il corpo senza vita di un uomo in un campo in via Toti

  • Bar non chiude alle 18 e non rispetta ordinanza sul Coronavirus: scatta la denuncia

Torna su
MonzaToday è in caricamento