Seregno, appartamento trasformato in centrale dello spaccio: arrestato 22enne

Il blitz in un'abitazione del quartiere San Rocco: all'interno i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Seregno hanno trovato 44 grammi di cocaina, sostanza da taglio e 1660 euro

Repertorio

Hanno scavalcato il muro di recinzione hanno attraversato il giardino sorprendendo lo spacciatore in azione con la droga nell'appartmento che aveva trasformato nella sua "centrale" dello spaccio dove custodiva la sostanza stupefacente e riceveva i clienti. Il blitz è scattato nel pomeriggio di sabato a Seregno, in un'abitazione nel quartiere San Rocco. In manette con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio è finito un ragazzo di 22 anni, cittadino marocchino, già arrestato pochi mesi fa al termine di un inseguimento con i carabinieri.

I militari del Nucleo Operativo Radiomobile di Seregno sono riusciti a individuare l'abitazione grazie alle numerose segnalazioni dei residenti che avevano notato un viavai di clienti giorno e notte in zona. Dopo appostamenti e indagini i carabinieri hanno fatto irruzione nell'appartamento trovando 44 grammi di coaina insieme a 12 grammi circa di sostanza "da taglio".

La cocaina era ancora da tagliare e quindi verosimilmente pura: spetterà alle indagini del laboratorio accertare la qualità dello stupefacente. In casa sono stati sequestrati anche un bilancino di precisione e 1665 euro in contanti. Al momento del blitz nell'abitazione è stato trovato anche un 39enne di Desio, cliente del pusher, trovato in pssesso di una dose di coaina che stava per assumere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento