Sfida delle mamme su Facebook, allarme della polizia: "Foto prese dai pedofili"

L'allerta per la sfida social che vede protagoniste le mamme chiamate a postare foto dei propri bambini come simbolo dell'esperienza della maternità. Con la rete gli scatti potrebbero finire in mano a chiunque

Tre foto per ripercorrere i momenti più belli della vita da mamma. Tre scatti di bambini, sorrisi e neonati che attraverso la rete potrebbero finire in mano a chiunque. L’allarme sulla nuova sfida social "Il bello di essere mamma" arriva dalla polizia postale.

“Da alcuni giorni circola questo messaggio tra le mamme, diffuso con il sistema delle Catene di Sant'Antonio: "Sfida delle mamme. Sono stata nominata da @@@@@@ per postare 3 foto che mi rendano felice di essere mamma. Scelgo alcune donne che ritengo siano grandi madri. Se sei una madre che ho scelto copia questo testo inserisci le tue foto e scegli le grandi madri”.

E ancora: “Mamme. Tornate in voi. Se i vostri figli sono la cosa più cara al mondo, non divulgate le loro foto in Internet. O quantomeno, abbiate un minimo di rispetto per il loro diritto di scegliere, quando saranno maggiorenni, quale parte della propria vita privata condividere”. Conclusione della polizia postale, che ha diffuso il messaggio dal profilo Facebook Una vita da social: “Se questo non vi basta, considerate che oltre la metà delle foto contenute nei siti pedopornografici provengono dalle foto condivise da voi”. Un allarme in piena regola. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento