rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
arresto / Muggiò

Sfondano la vetrina e uno dei ladri si ferisce: rintracciati grazie alle tracce di sangue

Il furto in un ristorante di Muggiò. Ma nel registratore di cassa c'erano solo 60 euro

Quelle tracce di sangue lasciate per terra, sui vetri e sulla cassa alla fine li hanno traditi. Permettendo ai carabinieri di arrivare direttamente a loro e di arrestarli in flagranza di reato per furto aggravato. È successo nei giorni scorsi a Muggiò. Due uomini - di 38 e 44 anni di Muggiò - in piena notte armati di un tombino prelevato dalla strada hanno sfondato la vetrina di un ristorante. Sono entrati nel locale e hanno prelevato il registratore di cassa. Un bottino molto misero: nel registratore c'erano solo 60 euro. Nel frattempo sono fuggiti. Ma uno dei due si era ferito con i frammenti della vetrina spaccata lasciando le tracce di sangue.

A dare subito l'allarme una residente svegliata dal gran baccano. La donna ha allertato i carabinieri. Sul posto è giunta subito una pattuglia della sezione Radiomobile di Desio. I militari hanno notato le macchie di sangue lasciate vicino alla vetrata e hanno inziato le ricerche. Poco distante il registratore di cassa con altre macchie ematiche e poco lontano i due muggioresi immediatamente raggiunti dai carabinieri. Uno dei due uomini aveva una ferita vistosa e fresca sul braccio. I due sono stati perquisiti: avevano 60 euro, che poi è risultato essere quanto c'era nella cassa del ristorante. 

I due uomini sono stati arrestati, e il ferito soccorso dal personale sanitario. Da ulteriori verifiche è emerso che uno dei due già a maggio ero stato arrestato sempre per un furto in un ristorante della cittadina brianzola. Il giorno dopo il processo al tribunale di Monza. Il giudice ha convalidato l’arresto collocando i due uomini ai domiciliari. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfondano la vetrina e uno dei ladri si ferisce: rintracciati grazie alle tracce di sangue

MonzaToday è in caricamento