Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Desio

Si barrica in casa per non essere sfrattato e minaccia di far esplodere la bombola del gas

Venti carabinieri impegnati giovedì mattina a Desio per uno sfratto in via Don Bonzi

Sono dovuti intervenire più di venti carabinieri per sfrattare un uomo di 57 anni e il figlio di 33 da un appartamento di proprietà dell’Aler, in via don Bonzi, a Desio.

I militari della compagnia cittadina sono intervenuti giovedì mattina, sfondando a colpi di ariete la porta di ingresso della casa. Il 57enne e il figlio 33enne sono stati denunciati per resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo, disoccupato, da molti anni non pagava l’affitto, di modesta entità, e in questo modo aveva accumulato un debito di 32mila euro.

Per evitare di lasciare la casa, l’inquilino aveva fatto incetta di bottiglie di vetro in tutto il palazzo, minacciando di gettarle dal balcone, come già era accaduto in altre occasioni. Nel corso dello sgombero, ha anche minacciato di far esplodere una bombola di gas che aveva in cucina.

Un anno fa il 57enne si era barricato in casa e aveva minacciato di gettarsi nel vuoto, e di far saltare in aria il palazzo. Erano intervenuti i carabinieri, riuscendo a convincerlo a desistere. La presenza dell’uomo era fonte di grande apprensione in tutto il palazzo.

Solo dopo ore di trattativa e l’intervento del sindaco Roberto Corti e del capitano dei carabinieri di Desio Mansueto Cosentino l’uomo aveva desistito.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si barrica in casa per non essere sfrattato e minaccia di far esplodere la bombola del gas

MonzaToday è in caricamento