Cronaca

Via dell'Offelera: dopo le ruspe c'è la questione delle famiglie abusive

Il Comune porterà al tavolo del Comitato Ordine Pubblico e Sicurezza la questione delle baracche occupate abusivamente da famiglie con minori

Immagine d'archivio (da ModenaToday)

Via dell’Offelera: il Comune, dopo avere risolto il problema delle baracche abbandonate abbattute nella giornata di mercoledì 12 maggio, adesso deve affrontare la delicatissima questione delle abitazioni abusive.

Strutture non autorizzate dove vivono famiglie, anche con minori.  Da anni i residenti della zona segnalano situazioni di degrado, anche sociale. Le abitazioni non sono collegate alle utenze e si riscontra anche la presenza di rifiuti abbandonati ovunque. In passato, secondo il racconto dell'epoca di alcuni residenti, ci sarebbe stato anche un incendio generato da un falò acceso per scaldarsi.

“Nei prossimi giorni porteremo all’attenzione del Comitato Ordine Pubblico e Sicurezza (istituito in Prefettura, ndr) anche il tema relativo alla presenza nell’area di edifici abusivi abitati da famiglie rom – spiegano il sindaco Dario Allevi e l’assessore alla Sicurezza Federico Arena -. Le abitazioni dovranno essere sgombrate tutelando tutte le situazioni che vedono la presenza di minori”.

Un problema, quello dell’area di via Dell’Offelera e della presenza di strutture abusive abitate da nuclei familiari, che era stata sollevata già anni fa dal Comitato di quartiere di Sant’Albino e dai residenti delle vie Caprera-dell’Offelera. Nel gennaio 2019 avevano raccolto e consegnato in Comune una petizione con oltre 250 firme per trovare una rapida soluzione al problema. Comitato e residenti avevano denunciato una situazione di fragilità sociale. Chiedevano un rapido intervento per trovare una soluzione abitativa ai nuclei familiari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via dell'Offelera: dopo le ruspe c'è la questione delle famiglie abusive

MonzaToday è in caricamento