Seregno, blitz nello stabile abbandonato: degrado e tre persone fermate

Lo sgombero nella mattinata di giovedì 2 luglio. Sul posto insieme al comandante della polizia Locale Maurizio Zorzetto anche il sindaco Alberto Rossi

Il blitz nello stabile dismesso

Giacigli di fortuna, rifiuti, degrado e tre cittadini stranieri irregolari sorpresi all'interno dello scheletro di cemento che sorge - incompiuto - all'angolo tra via Colzani e viale Edison. Blitz nello stabile in disuso nel cuore del quartiere Sant'Ambrogio, a Seregno, giovedì mattina.

Gli agenti della polizia locale, guidati dal comandante Maurizio Zorzetto, sono intervenuti nell'area abbandonata che da tempo è attenzionata dall'amministrazione comunale e dove solo due settimane fa era stato effettuato un altro sopralluogo. All'interno, tra i muri incompiuti dell'edificio che era nato per ospitare un concessionario d'auto e oggi divenuto un triste simbolo di degrado, sono stati sorpresi tre cittadini stranieri intenti a pernottare. Si tratta di un 38enne etiope con permesso umanitario scaduto e di due uomini di origine marocchina. Tutti sono stati accompagnati in Questura, a Monza, per le pratiche di identificazione e - per questi ultimi - per l'espulsione. Alcuni di loro risultano avere precedenti per droga e tutti e tre sono stati denunciati per violazione delle norme relative all'immigrazione. 

Nell'operazione sono stati impegnati quattordici uomini, 12 agenti del comando di polizia locale insieme al comandante Zorzetto e a un ufficiale. Sul posto giovedì mattina è intervenuto anche il sindaco di Seregno Alberto Rossi. "Ho assistito, insieme all'Assessore William Viganò, ad un intervento della Polizia Locale presso lo stabile abbandonato all'angolo tra Via Edison e Via Livio Colzani, che ha portato allo sgombero dello stabile, in cui dormivano tre persone - di cui una già nota alle forze dell'ordine - portate in Questura per chiarire la propria posizione. Al termine dell'operazione abbiamo effettuato un sopralluogo per l'intero stabile, constatandone lo stato di degrado avanzato, e in seguito è intervenuta Gelsia Ambiente per una pulizia e una bonifica. Ringrazio il Comandante Zorzetto ed il Corpo di Polizia Locale per l'operazione ed il servizio reso alla Città. Si tratta della prima di un pacchetto di operazioni su stabili privati atti a contrastare il degrado nei quartieri" 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come annunciato dal primo cittadino e confermato dal comandante Zorzetto si tratta di una delle prima attività di contrasto al degrado e all'illegalità in programma. Ora - spiega il comandante - l'obiettivo è la chiusura della struttura e già nelle prossime ore potrebbe arrivare un'ordinanza che impegni la proprietà a predisporre la muratura degli accessi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Valassina, pirata della strada travolge coppia in moto: un morto e un ferito

  • Guida ubriaco e travolge moto uccidendo donna poi abbandona auto: arrestato 30enne

  • Tragedia in Croazia, uccide la moglie poi si suicida: la coppia era originaria di Monza

  • Cesano Maderno, bimbo positivo al covid: tampone e "quarantena" per tutta la classe

  • Ubriaco travolge coppia in moto sulla Valassina poi scappa: morta donna monzese

  • Misinto, aperto al traffico un nuovo tratto della provinciale Sp 152

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento