Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Giussano

Caso “Borella” a Giussano, la protesta dei sindacati

Serve chiarezza sul futuro dell'ospedale

GIUSSANO - Dopo gli interventi dei politici e le proteste anche su internet con una petizione in-line, i rappresentanti sindacali dei lavoratori chiedono chiarezza e certezze sul futuro del Borella. I lavoratori e i cittadini di Giussano hanno il diritto di sapere se si intende garantire effettivamente un presidio ospedaliero specializzato, queste le parole dei rappresentanti dei lavoratori. 

L’unica alternativa alla chiusura potrebbe essere quella di trasferire il servizio materno infantile da Carate e Giussano, nonostante sia un progetto critico. I rappresentanti dei lavoratori sono comunque insoddisfatti per la mancanza di un progetto condiviso con il territorio che non garantisce quindi un prospettiva certa al presidio ospedaliero.

Per la Fp-Cgil serve un cambiamento, chiedono che venga offerto un servizio che preveda la degenza, oltre al potenziamento dei servizi ambulatoriali e diagnostici. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la recente chiusura del pronto soccorso notturno: la richiesta era stata quella di procedere con la chiusura del turno di notte solo in caso di avvio contestuale dei lavori di potenziamento del pronto soccorso di Carate e del cantiere Giussano, ma non è andata così.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso “Borella” a Giussano, la protesta dei sindacati

MonzaToday è in caricamento