"Tuteliamo il nostro territorio": sindaci denunciano Pedemontana

Gigi Ponti, presidente della Provincia, e gli altri primi cittadini interessati dal tratto B2 della Pedemontana hanno intrapreso un’azione legale contro Pedemontana. I soliti i problemi: traffico, manutenzione e collaudi. I dettagli

I sindaci denunciano Pedemontana - Foto sito ufficiale

Alla fine la situazione è precipitata. Definitivamente. La battaglia, dalle aule della politica, presto si sposterà nelle aule di giustizia. Perché i sindaci di alcuni comuni brianzoli hanno deciso di intraprendere un’azione legale contro Pedemontana. 

L’annuncio è arrivato mercoledì al termine del collegio di vigilanza convocato in Regione Lombardia per discutere proprio dell’apertura al traffico della tratta B2 di Pedemontana, tra l'altro non ancora complecata e con pedaggi che appaiono fuori mercato

Un’inaugurazione che i sindaci della Brianza contestano da tempo, considerando le - a loro modo di vedere - “sicure gravi ripercussioni sul traffico già congestionato della Milano-Meda e della viabilità locale”.

“Abbiamo atteso le risposte che ci erano dovute per troppo tempo, ma le risorse e gli interventi promessi sono ancora sulla carta e ora ci troviamo davanti al fatto compiuto”, ha accusato il presidente della Provincia e sindaco di Cesano Maderno, Gigi Ponti”. 

“Non ci resta - ha continuato - che ricorrere all’ultima via a disposizione, l’azione legale contro Pedemontana”. I sindaci della tratta B2, quindi, hanno attivato il percorso amministrativo per la nomina di un legale a tutela del territorio che rappresentano. A dare battaglia saranno i comuni di Lentate sul Seveso, Meda, Seveso, Barlassina, Bovisio Masciago e Cesano Maderno.

“Abbiamo provato in tutti i modi a non ricorrere alle vie legali, che a questo punto, però, sono una scelta obbligata - ha spiegato Ponti –. Ci eravamo appellati anche al buon senso del Presidente Maroni per impedire questa operazione: da giovedì prossimo Pedemontana sarà un’autostrada che a Lentate riversa tutto il traffico su un tratto di ex strada statale obsoleto e senza manutenzione. Nessuna opera di compensazione di quelle previste è stata eseguita”.

Nel mirino dei sindaci, spiega la stessa Provincia in un comunicato - il mancato rispetto dell’accordo di programma sottoscritto nel 2007 e del relativo cronoprogramma da parte della società Pedemontana che – tra le altre cose - avrebbe dovuto prendersi in carico la tratta brianzola della Milano-Meda, pari a 9,5 km già da gennaio 2015. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nasce il Marketplace di Seregno, la risposta dei negozianti seregnesi alle vendite online

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Coronavirus, impennata di contagi in un giorno in Brianza: i numeri a Monza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento