rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Pizzaut a Monza, oltre al ristorante anche una casa per i pizzaioli e i camerieri

L'annuncio a tavola durante il pranzo con il sindaco Dario Allevi nel locale di Cassina de' Pecchi

Ormai la macchina organizzativa è partita. Non solo la pizzeria, non solo l'Accademia per la formazione di pizzaioli e di camerieri. Adesso arriva anche il progetto di autonomia abitativa con un appartamento vicino al ristorante che sorgerà nella ex area Philips di Monza dove i ragazzi di Pizzaut potranno alloggiare in totale autonomia.

L'annuncio sui social, in occasione di un pranzo speciale nel locale di Cassina de' Pecchi. Un tavolo speciale quello apparecchiato ieri, 8 novembre, dai ragazzi di Pizzaut. A sedersi e a gustare quella che ormai è definita la pizza più buona della galassia conosciuta, c'erano il sindaco di Monza Dario Allevi, l'assessore alle Politiche sociali Desirée Merlini, alcuni imprenditori e Paolo Meregalli, amministratore del gruppo Facebook Easy Monza fin da subito vicino al progetto di Nico Acampora. 

Allevi: "Entro primavera 2022 si apre a Monza"

"Abbiamo gettato le basi e i tempi dell'inaugurazione di Pizzaut a Monza - ha dichiarato Allevi -. Il taglio del nastro entro la primavera inoltrata del 2022. Non ci sono più freni e barriere. Con Pizzaut tre anni e mezzo fa è stato un colpo di fulmine. Sarà una cosa grandiosa per la città di Monza, per questi meravigliosi ragazzi e per le loro famiglie".  Un amore a prima vista quello tra Pizzaut e il primo cittadino monzese che, fin da subito, ha appoggiato e creduto in quello che - un tempo un sogno - oggi è diventata una realtà. Così come prezioso è stato l'appoggio di Paolo Meregalli e di tutto il gruppo Facebook Easy Monza che hanno creduto nel progetto organizzando eventi, e sostenendo l'acquisto dei panettoni, dei pandori e delle uova di Pasqua. 

Un appartamento dove vivere in autonomia

Acampora è galvanizzato. "A breve partirà il progetto di formazione nella nostra Accademia- dichiara -. Inoltre stiamo lavorando per l'individuazione di un appartamento nelle vicinanze del ristorante dove alcuni dei nostri ragazzi potranno iniziare a sperimentare l'autonomi abitativa.. Sono certo che anche su questo fronte il Comune di Monza ci darà una mano. Nel frattempo ringrazio la famiglia Bellazzi fin da subito presente e disponibile". Un progetto nel quale crede profondamente l'assessore Merlini. "Bisogna sempre credere nei sogni, ma l'importante è anche concretizzarli - ha commentato -. Riprenderemo sicuramente il progetto di Monza città Austimfriendly. Fondamentale l'aiuto dei ragazzi, delle famiglie e dei commercianti di Monza". 

I primi imprenditori al fianco di Pizzaut

Anche il mondo dell'imprenditoria monzese si è già mezzo al lavoro. Oltre a Gianmaria Bellazzi proprietario dell'area dove sorgerà il primo ristorante Pizzaut di Monza, al tavolo anche il fratello Sergio amminstratore delegato di CIMA, Paolo Busnelli presidente di Acsm Agam, e Gaetano Romano un imprenditore della ristorazione di Cernusco sul Naviglio da sempre grande sostenitore di Nico Acampora e di Pizzaut. Con l'invito anche ad altri imprenditori brianzoli a sostenere quel grande sogno che ormai sta per diventare realtà.Tutti i dettagli sul sito di Pizzaut. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pizzaut a Monza, oltre al ristorante anche una casa per i pizzaioli e i camerieri

MonzaToday è in caricamento