Varedo, pusher 19enne fermato dai carabinieri mentre è fuori per consegne a domicilio

Il giovane sabato sera si è imbattuto in un controllo

Carabinieri - Repertorio

Nessuno dei suoi numerosi clienti poteva raggiungerlo. Così, un pusher di 19 anni, di Varedo, ha pensato di fare consegne a domicilio. Ma sabato in via Umberto I si è imbattuto nei controlli dei carabinieri. E’ stato difficile per lui esibire un’autocertificazione, e ancora di più, spiegare che era uscito di casa per motivi di "lavoro".

Così, ha pensato di scappare. Prima cercando di allontanarsi, sperando di non essere visto dai militari (che però in realtà lo stavano tenendo d’occhio da tempo), sia gettando dietro a una siepe la droga che custodiva in una tasca. Tutto inutile. 
Per i carabinieri di Desio, è stato facile recuperare  sostanza stupefacente– otto grami di marijuana – e poi capire quale era il vero motivo dell'uscita del 19enne. Dopo averlo raggiunto e bloccato, hanno perquisito anche la sua abitazione, scoprendo altri 48 grammi 250 euro in contanti e tutto l'occorrente per la preparazione e il confezionamento delle dosi. 

Sul suo telefonino anche la lista dei numerosi clienti e le ordinazioni per i prossimi giorni, che resteranno inevase, visto che il 19enne è stato arrestato per detenzione e spaccio di stupefacenti e denunciato per non aver rispettato il divieto di uscire di casa.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento